RICETTE – Plumcake

0
1378

Ecco qua il mio Plumcake! Uno dei dolci classici più diffusi, amati e semplici di tutta la pasticceria.
Ben ricco di frutta candita, ha colori vivaci che lo rendono appetitoso e gradito a tutti, grandi e piccini; si gusta in qualunque momento della giornata, con il latte la mattina, come spuntino spalmato con marmellate o confetture varie, con il tè o come confortante prima di andare a dormire.
Lo dedico al caro e simpatico Ciccio D. che lo apprezzò quando gliene portai una fetta e mi chiese la ricetta: la perse una prima volta e gliela riportai, prima che la perda ancora gliela scrivo in modo che la potrà stampare quante volte vorrà.
È una dose per due stampi da 24 centimetri di lunghezza perché uno si può gustare subito e l’altro si conserva in congelatore molto bene. Un segreto per renderlo ancora più gustoso? Appena esce dal forno, ancora fumante e nello stampo, spennellate la superficie con 3-4 cucchiai di rum… è una delizia!
Un ultimo consiglio: sarà ancora più buono se gustato dopo almeno 2 giorni, conservato ben chiuso in carta stagnola.

GLI INGREDIENTI

500 g di farina Petra 5 del Molino Quaglia
200 g di zucchero semolato o di canna grezzo
200 g di burro morbido “a pomata”
4 uova intere
1/2 bicchiere di latte
1 bustina di lievito chimico
1 pizzico di sale
300 g di uvetta
200 g di frutta candita mista Crispo
q.b. di rum

LA PREPARAZIONE

Accendete il forno a 240 °C. Foderate 2 stampi da plumcake da 24 centimetri con burro e farina.

Mettete l’uvetta e la frutta candita in una ciotola, versate un po’ di rum e mescolate bene. Lasciate qualche minuto così e mescolate ancora; ripetete nuovamente questa operazione e scolatela. Tenete da parte per almeno un’oretta sempre nel colino. Questo metodo serve per farli aromatizzare ed ammorbidire solo un poco, se assorbono molto liquido diventano pesanti col rischio di farli precipitare sul fondo del dolce durante la cottura.
Preparate tutti gli ingredienti davanti a voi.

Lavorate il burro con lo zucchero finché diventa soffice e bianco.

Aggiungete un uovo alla volta alternato ad un paio di cucchiai di farina.

Mettete la restante farina alternata al latte. Deve risultare un composto soffice ma non troppo morbido. Aggiungete il lievito setacciato.

Infine aggiungete uvetta e canditi; girate bene.

Versate in parti uguali il composto negli stampi, aiutandovi con una bilancia. Col retro di un cucchiaio affondare leggermente nel centro degli impasti.

Infornate subito.

Cuocere per 5 minuti poi abbassare a 180 °C e continuare per altri 40-50, copriteli con un foglio di alluminio se si dovessero colorare troppo. Controllate con lo stuzzicadenti.

Appena sfornato spennellate le superfici con 3-4 cucchiai di rum per ciascun Plumcake. Lasciate raffreddare.

Molte persone mi chiedono come si può evitare di far precipitare i canditi sul fondo del dolce durante la cottura: è molto semplice, basta graduare il latte in modo che l’impasto non risulti molto liquido, infarinare i canditi con parte della farina della ricetta e poi, se si dovesse temere che ciò non basti, è sufficiente mettere gli stampi già riempiti nel frigorifero per una mezz’oretta in modo che il burro solidifichi un pochino e il calore improvviso del forno stabilizzi immediatamente la massa.

Dal sito: http://www.letentazionidiroberto.com/site/plumcake/

CONDIVIDI
Articolo precedenteCALCIO–UEL - Impresa della Lazio contro il Rosenborg
Prossimo articoloCALCIO – Lazio-Torino 3-0. Le pagelle biancocelesti
Violinista presso l'Orchestra Nazionale dell'Accademia di Santa Cecilia con cui collabora da oltre trent'anni. Ha preso parte in numerose formazioni cameristiche e sinfoniche sia come "Primo violino" che come solista, girando il mondo e sempre con risultati egregi. Pasticcere per vocazione e/o professione nei momenti liberi. Adora sperimentare gusti e accostamenti in modo originale. Ha partecipato a trasmissioni di cucina su canali televisivi come AliceTV e il Gambero Rosso. Le sue ricette sono state pubblicate sulle migliori riviste del settore. Archivio Articoli

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO