EVENTI – Un sacco di cultura… per Natale

Venerdì 16 dicembre 2016, dalle ore 20,15 a Roma, presso il loft della Arcopinto Produzioni Cinematografiche in Piazza S. Maria Liberatrice, 27, ingresso libero fino a esaurimento posti, il mini festival culturale con proposte che vanno dal cinema alla letteratura, dalla musica al cibo

0
798
libri Lo Sgarro

Autori in cerca di emozioni tra letteratura, cibo, cinema, arte e musica.

Cinque libri, un documentario e i primi dieci minuti di un film corale sul calcio a Napoli, in mezzo ai bambini, tra le scuole calcio dei quartieri più difficili, prodotto da Gianluca Arcopinto e presentato in anteprima alla Mostra del Cinema di Venezia. E ancora: un nuovo progetto musicale dedicato alle colonne sonore a cura di Feliciano Zacchia (direttore di Sonus Factory) e Stefano Savi Scarponi, un pizzico di arte (una sorpresa pittorica a cura di Francisco Raffaele Villarusso), un testo nato per l’occasione scritto e raccontato da Francesca Zanni (tra le drammaturghe più brillanti della scena nazionale, nonché autrice radiofonica per RadioRai 2) e, per non farsi mancare nulla, anche buon cibo, non inteso come un semplice catering di supporto alla serata, ma un momento dedicato alla degustazione di creazioni dolci e salate a cura di Bandabuffet, un consorzio di chef guidati da Piermatteo Giacalone intenti a far conoscere prelibatezze regionali rielaborate in maniera light, finger & street food.

Quella che doveva essere una serata tra alcuni autori ed editori amici riuniti insieme per farsi gli auguri di Natale e unire “pubblico” diverso (secondo la logica di scambiarsi lettori) ha ormai assunto le dimensioni di un piccolo festival culturale con circa una decina di proposte che abbracciano cinema, letteratura, poesia, arte, teatro, musica e cibo.

Si tratta di “Un sacco di cultura… per Natale”, un evento ideato da Pier Paolo Mocci (NED edizioni) che prenderà vita per la prima volta venerdì 16 dicembre alle ore 20.15 presso la casa di produzione di Gianluca Arcopinto, un piccolo loft nel piano terra di Piazza Santa Maria Liberatrice 27, a Testaccio (ingresso libero fino ad esaurimento posti). Una serata test di eventi futuri, con cadenza mensile, che verranno realizzati con l’anno nuovo. “L’idea inizialmente era quella di mettere insieme quattro autori, tra cui il “mio”, scambiarci gli auguri di Natale invitando i nostri più cari lettori”, spiega Pier Paolo Mocci, editore di LO SGARRO di Leonardo Jattarelli. “Mettere a disposizione dell’altro autore un pubblico e un lettore fidelizzato dal proprio testo e creare una rete comune. Ho pensato che sarebbe stato anche utile realizzare un vero e proprio cofanetto a prezzo scontato, oltre il 40%, con tutti i libri proposti: un regalo di Natale economico, salva stress dell’ultima ora, e in più con un evento con cibo che permette uno scambio e una condivisione tra autori, moderatori e pubblico. Un mash-up in cui ci sarà interscambio e sorpresa. La cosa bella è che la notizia ha girato e l’entusiasmo è stato contagioso: da quattro che eravamo siamo arrivati a circa una decina di proposte artistico-letterarie, più o meno della durata di 15 minuti ciascuna. Siamo tutti molto curiosi di capire cosa uscirà fuori. Ovviamente sono tutti invitati, ingresso libero fino ad esaurimento capienza e posti disponibili”

GLI AUTORI E I LIBRI – A fare gli onori di casa, dopo l’introduzione di Francesca Zanni, il produttore cinematografico indipendente Gianluca Arcopinto (subito dopo aver mostrato alcuni minuti del suo ultimo film “Il calcio è bello se la passi sempre” realizzato da un collettivo di giovani cineasti di Napoli), presenterà il suo ultimo libro “Controvento”, piccolo grande omaggio al suo forte amore per il calcio, visto dalla parte dei bambini, metafora di una vita da spendere con lealtà, passione, coraggio e con spirito di sacrificio e di gruppo (Marotta & Cafiero). Bambini, anzi bambine – divenute poi adulte – al centro del poetico e delicato “Finirà questo silenzio” di Maria Lombardi. E’ la storia di Silvia e Caterina, 10 e 5 anni, che crescono in una famiglia distratta, fra precari affetti di una madre sofferente e di un padre dalla doppia vita. L’infelicità rafforza il loro legame e le rende indispensabili l’una per l’altra, “con una solidarietà unica e irripetibile, il frutto raro, prezioso di una condizione di disagio e di sofferenza. Silvia non ha che Caterina e Caterina non ha che Silvia” (CartaCanta). Sono invece giovani in cerca di un futuro in balia di ciò che li circonda e li attraversa i protagonisti di “Disegni” di Daniele Guerriero: amore, amicizia, leggerezza e passioni, in continuo movimento, tra Berlino, Roma, Firenze (Albatros).

Non mancheranno le più torbide vicende di nera e la stretta attualità grazie a Paola Vuolo ed Enrico Gregori, autori di “Roma in nero”, con i casi più efferati della criminalità romana dagli anni ’70 a oggi, storie meno conosciute ma forse altrettanto sconcertanti. Protagonista é il male che, inaspettatamente, esprimono persone che fino a un attimo prima non avevano mai fatto nulla di criminale. Come nel caso del Canaro o l’omicidio di Stefania Bini, uccisa dallo zio insospettabile e mite calzolaio (Historica).

Un altro delitto ma con un impianto decisamente noir per “Lo Sgarro – Rocco Sigaro e il delittaccio della Garbatella” di Leonardo Jattarelli, un giallo figlio della migliore tradizione poliziottesca con una fortissima ambientazione romana, in particolare della Garbatella: mitico, ancestrale, verace, bellissimo e complice scenario, con le sue chiese e piazze, fontanelle e vicoli che sembrano fermare il tempo. Tra le pagine del romanzo fanno la loro comparsa personaggi di contorno buffi e sopra le righe, accattoni e candidi, come fossero dei caratteristi della commedia all’italiana di Scola, Risi e Monicelli: Tinta, Pesciolino, Pompa, Don… personaggi di una Roma d’altri tempi, sempre più in via di estinzione (NED edizioni). L’attrice Alessandra Mosca, oltre a leggere brani tratti da “Lo Sgarro” di Jattarelli, presenterà alcuni minuti del suo prezioso documentario, diretto e prodotto, “Mario Benedetti y otras sorpresas” che racconta la storia di una ragazza italiana che s’innamora della poesia di Mario Benedetti durante un viaggio in Argentina. Il documentario ruota intorno alla poesia di Benedetti, al suo rapporto con il lettore, alla sua visione del mondo. Il poeta diviene narratore di se stesso, tanto nella cornice politica che in quella sentimentale. Ma è anche un viaggio di voci e di paesaggi tra Roma, Venezia, Montevideo e Buenos Aires.

Al termine della serata il pubblico potrà scegliere se acquistare “Un sacco di cultura”, a prezzo speciale, contenente 5 libri e un documentario, oppure acquistare a prezzo intero uno o più titoli. 

DEGUSTAZIONE A CURA DI BANDABUFFET – Sarà una serata anche di degustazione gastronomica quella del 16 dicembre a Testaccio con il food, dolce e salato, a cura di Bandabuffet una nuova ma già collaudata realtà specializzata non solo in catering tradizionale ma capace di soddisfare anche piccole esigenze quotidiane o di approfondire passioni con personale qualificato e specializzato. Bandabuffet ha infatti in programma l’organizzazione di Corsi di Cucina, prevede servizi di personal chef in abitazioni private, cooking-show, fino ad eventi più grandi, cerimonie e feste. “Sempre con la costante delle materie prime di qualità – afferma Piermatteo Giacalone, anima del gruppo – e con il chiodo fisso di far star bene la gente offrendo il meglio di noi stessi”. In Bandabuffet convergono infatti più esperienze, più regionalità, più saperi, uniti però da una passione comune per il buon cibo di qualità. Per contatti, su Facebook: Bandabuffet.

 

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO