ROCK – Se ne va a 67 anni anche John Wetton, ex King Crimson e ASIA

Dopo Greg Lake, lo scorso dicembre, ora è la volta di Wetton, voce eccellente e potente basso dei King Crimson più avventurosi e sperimentali, e del supergruppo Asia. L'artista è morto nel sonno alle 5.25 di oggi 31 gennaio 2017

0
1328

Se ne va anche John Wetton, lo ha annunciato per primo Jakko M. Jakszyk – attuale cantante e chitarrista dei King Crimson – questa mattina su Twitter.

Da quando ne era stato colpito, Wetton aveva affrontato la lotta contro il cancro con un’intensa attività su Twitter, invitando costantemente ai controlli preventivi e aggiornando sul procedere delle sue cure.

L’ultimo messaggio dell’11 gennaio sul suo sito ufficiale non aveva lasciato molti dubbi sul suo stato di salute: “Sono deluso di annunciare che, su consiglio del mio team medico, devo recedere dalla Cruise to the Edge, e dalla prima tappa del tour, 15 Marzo – 4 Aprile. Presto inizierò una nuova procedura medica di chemioterapia, in base alla quale non sarò in grado di volare”. John avrebbe dovuto partecipare alla Crociera in qualità di cantante/bassista degli Asia, il supergruppo che lo aveva portato al successo di massa nel 1982 dopo la militanza nei King Crimson assieme al suo vecchio amico Robert Fripp dal 1972 al 1974, la line-up tra le più amate e incisive per la sua capacità di sperimentare soluzioni musicali inedite e di avventurarsi in territori inesplorati nel rock.

Eccellente bassista, dotato di una grande tecnica e di un fraseggio unico e originale, unito a sonorità profonde, e altrettanto eccellente cantante, dotato di una voce potente, calda e ricca di feeling, prima di formare gli Asia assieme a Geoff Down, Carl Palmer e Steve Howe, Wetton aveva dato vita assieme a Bill Bruford, Eddie Jobson e Allan Holdsworth agli UK.

Tra i suoi album solisti di maggior rilievo vanno ricordati CAUGHT IN THE CROSSFIRE (1980), ARKANGEL (1997) e RAISED IN CAPTIVITY (2011) e svariate collaborazioni con i principali attori dell’art-rock inglese come Gordon Haskell, Pete Sinfield, Brian Eno, Phil Manzanera, Brian Ferry, Richard Palmer-James, David Cross.

Original Asia

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCALCIO – Sampdoria-Roma 3-2. Commento e pagelle giallorosse
Prossimo articoloCALCIO-TIM CUP - Inter-Lazio 1-2. Commento e pagelle biancocelesti
Alessandro Staiti è nato a Roma dove si è laureato in Storia della Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea e specializzato in Comunicazione e Organizzazione Istituzionale con tecnologie avanzate. Inizia nel 1976 come dj a «Onda Radio 101» una delle prime cinque radio libere romane. Giornalista pubblicista dal 1981, è stato collaboratore delle riviste musicali «Mucchio Selvaggio», «Chitarre», «Ciao 2001», «Music», «New Age Music & New Sounds», «Etnica & World Music», «Acid Jazz», caposervizio delle pagine «Cultura» e «Sesso e Salute» del quotidiano nazionale “Quigiovani”, caporedattore della rivista «Esoterica» e autore di instant book su Sting, a-ha, e Peter Gabriel. Ha pubblicato i saggi «Robert Fripp & King Crimson» (Lato Side, 1982), il primo libro al mondo sul chitarrista inglese e sui King Crimson e «In The Court Of The Crimson King» (Arcana, 2016) la prima monografia in Italia sull’album d’esordio della band che ha cambiato la storia del rock. Collaboratore dal 2016 di «Classic Rock», Staiti è caporedattore delle sezioni «Musica» e «Sport» di MP News. Archivio Articoli

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO