POST PROGRESSIVE – Steven Wilson: nuovo album in estate e due date italiane

TO THE BONE verrà pubblicato il 18 agosto 2017. Saranno due le date in Italia, Milano e Roma, a febbraio 2018. Ascolta il nuovo singolo "Pariah"

1
649
Steven Wilson (credit: Lasse Hoile)
Steven Wilson (credit: Lasse Hoile)

Steven Wilson annuncia i dettagli di TO THE BONE, il suo vivo e brillante quinto album in uscita il 18 agosto 2017 su Caroline International, distribuzione Universal.

Già disponibile invece il suo nuovo singolo Pariah

TO THE BONE è un album pop modernista gloriosamente dinamico, come immaginato dal più grande artista underground inglese.

Fondendo rock futurista, elettronica spettrale e chitarre vorticose, TO THE BONE è l’omaggio di Steven Wilson agli album progressive pop più importanti della sua giovinezza (pensate a SO di Peter Gabriel, COLOUR OF SPRING dei Talk Talk, SEEDS OF LOVE dei Tears for Fears).

I testi delle undici tracce dell’album virano dal caos paranoico dell’era della post-verità alle acute e severe osservazioni sulla vita quotidiana dei fondamentalisti religiosi, con una bella dose di fuga dalla realtà ad occhi aperti. Stupefacente dal punto di vista del suono e della melodia, TO THE BONE è un’istantanea in alta definizione dei tempi sconcertanti in cui viviamo.

TO THE BONE è il primo album Steven Wilson su etichetta Caroline International (Iggy Pop, Underworld, Thurston Moore, Glass Animals), ed è il seguito del suo ultimo capolavoro HAND.CANNOT.ERASE. del 2015. Fondatore e pilastro della rock band Porcupine Tree, Steven ha pubblicato il suo primo album solista, INSURGENTES, nel 2008. Steven Wilson è stato risolutamente indipendente per tre decadi di carriera, il che l’ha reso l’artista britannico di maggior successo di cui abbiate mai sentito parlare.

Le date italiane del tour di Steven Wilson:
09.02.2018 Milano, Teatro Degli Arcimboldi
10.02.2018 Roma, Atlantico
Info: http://www.vertigo.co.it/ – Facebook

CONDIVIDI
Articolo precedenteCALCIO - Una poltrona per… uno, la lotta per la salvezza a tre giornate dal termine
Articolo successivoCALCIO-CL - Atlético Madrid-Real Madrid 2-1. Le pagelle
Alessandro Staiti è nato a Roma dove si è laureato in Storia della Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea e poi specializzato in Comunicazione e Organizzazione Istituzionale con tecnologie avanzate. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1986 al 1994 ha collaborato con il settimanale musicale "Ciao 2001" e per lo stesso gruppo editoriale è stato direttore della rivista "Esoterica", caposervizio delle pagine “Cultura” e “Sesso&Salute” del quotidiano nazionale “Quigiovani” e autore di instant book su Sting, a-ha, e Peter Gabriel. Ha pubblicato i saggi "Robert Fripp & King Crimson" (Lato Side, 1982), il primo libro al mondo sul chitarrista inglese e "In The Court Of The Crimson King" (Arcana, 2016) la prima monografia in Italia sulla nascita della band che ha cambiato la storia del Rock. Opinionista sportivo in radio e TV, collaboratore di "Classic Rock", Staiti è caporedattore delle sezioni Sport e Musica di MP News. Archivio Articoli

1 commento

  1. Devo essere sincero, questo singolo non mi entusiasma. La cosa migliore è rappresentata dal sound, sempre molto curato nelle produzioni di Wilson, ma il brano non contiene novità di rilievo ed è davvero troppo pop oriented, specie nel cantato di Ninet Tayeb, magari anche una bella voce, però su una melodia che suona abusata e ruffiana. Il finale riesce a staccarsi (e lo fa in un contrasto evidente) dal resto del brano. Le tue note, Alessandro, lasciano, secondo me, trasparire un velato scetticismo anche da parte tua, quantomeno sul pezzo in questione. Aspettiamo di ascoltare l’album per intero, ma questa anticipazione viaggia decisamente su binari troppo commerciali, almeno per i miei gusti. Intanto, grazie a te per la notizia.

LASCIA UN COMMENTO