VELA-EUROPA CUP LASER – Perturbazione e forte vento: rimandate a domani le regate ad Ancona

Filippo Baldassari, (già azzurro a Londra 2012), C.T. squadra Laser della SEF Stamura: "Oggi il vento era troppo forte e instabile, venendo da terra, per consentire a tutta la flotta di concludere una prova in sicurezza"

0
62
Europa Cup Laser Ancona SEF Stamura Ancora, 31 marzo-3 aprile 2018 © SEF Stamura/Zerogradinord #zerogradinord #laser #sefstamura #ancona #europacuplaser

Sabato Santo senza regate oggi ad Ancona, dove in mattinata si è alzato il sipario sull’Europa Cup Laser, evento di coppa continentale della classe Laser, per la prima volta ospitato a Marina Dorica e organizzato dalla SEF Stamura con il patrocinio di EurILCA, Federazione Italiana Vela, Regione Marche, Coni Marche, Comune di Ancona, Unione Italiana Stampa Sportiva Marche, Panathlon Club Ancona e il sostegno di Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale, Marina Dorica, Frittelli Maritime Group, Adria Ferries, Cantiere delle Marche, Estra Prometeo, Alessandro Archibugi e Figlio, Icop e Frentauto.

Complice il vento teso da Ovest/Nord-Ovest, con raffiche spesso oltre i 30 nodi, e il transito di nubi temporalesche sul golfo di Ancona, il Comitato di Gara ha ritenuto opportuno far rientrare a terra alle 15 circa i quasi 300 concorrenti che avevano precedentemente preso il largo verso le 11.30, dopo aver fatto partire e poi sospeso la prima manche della kermesse. Se ne riparlerà domani, quando i partecipanti (provenienti da 20 nazioni), dovranno trovarsi sulla linea di partenza alle ore 11 per recuperare la prova odierna e disputare le altre due come da programma.

Donatella Montanari e Filippo Baldassari
Donatella Montanari e Filippo Baldassari – ©SEF Stamura/Zerogradinord

Filippo Baldassari, (già azzurro a Londra 2012), C.T.  squadra Laser della SEF Stamura: “Oggi il vento era troppo forte e instabile, venendo da terra, per consentire a tutta la flotta di concludere una prova in sicurezza. Fra i concorrenti ci sono molti velisti esperti ma anche tanti giovanissimi alle prime armi e gli organizzatori e gli allenatori, in eventi come questo, debbono trovare un compromesso, cercando di interpretare tutti i segni a livello meteorologico e marino sul campo di gara”.

Edoardo Libri, Laser Standard (SEF Stamura): “Sarebbe stato molto duro regatare oggi con queste condizioni ma è anche vero che dobbiamo abituarci ad affrontare condizioni simili. Rimandare a domani l’inizio di una gara in casa non mi mette pressione, ero concentrato, cercherò di mantenere la concentrazione sulle regate dei prossimi giorni per concludere la manifestazione al meglio”. 

Maria Giulia Cicchinè, Laser Radial (CV Portocivitanova): “Giornata complessa da un punto di vista meteorologico. Quando il vento è così forte, io credo che non si debba mai regatare. E’ anche vero, però, che dal momento in cui siamo usciti in mare al segnale di partenza della manche poi annullata è passato tanto tempo e, nell’attesa, il vento è salito oltre i 30 nodi. Forse, iniziando prima, avremmo potuto portarla a termine quella prova interrotta a metà”.

 

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO