BLUDEEPA – Il cielo arma d’amore – coloro che non vuole vedere distrutti”

Per il suo terzo album, la band romana decide di seguire un percorso liquido, in linea con la fruizione della musica da parte di milioni di appassionati. Guarda il video di "She-Pollen"

0
235
Bludeepa

Il cielo arma d’amore – coloro che non vuole vedere distrutti” dei Bludeepa è il frutto di un lungo lavoro durato cinque anni. Mai come in queste tracce, cantate sia in italiano sia in inglese, la musica e le parole sono state influenzate dallo scorrere della vita, dagli accadimenti. Relazioni, nascite, morti, fallimenti, successi. Ogni brano affonda nella consapevolezza che ogni cosa che ci accade, contiene in sé amore, e quindi ogni cosa (anche quelle che apparentemente potrebbero distruggerci), in qualche modo, lavora per noi, a nostro favore: sta a noi capire il come, il perché.

Il disco è concepito come opera aperta. I sei brani che lo compongono non rimarranno gli unici perché il concetto di “album” è diventato per la band un luogo in mutazione continua, in continuo completamento. Ecco allora che, in aggiunta al primo nucleo, altri brani arriveranno ad aggiungere riflessioni, esperienze, storie e vita.

I Bludeepa non hanno ancora deciso, nè sanno se vorranno farlo, quando e se considerare chiuso questo disco.

Bludeepa:::"She-Pollen" live performance@accademia Sofia Amendolea

Bludeepa:::"She-Pollen" live performance@accademia Sofia AmendoleaFind Bludeepa on iTunes, Spotify, Tidal, Amazon, Instagram, Facebook

Pubblicato da Bludeepa su Venerdì 28 dicembre 2018

I Bludeepa nascono a Roma nel 1999 da un’idea di Dan Butcovich per il desiderio di musica originale dopo aver fatto esperienza in altre cover band.

La formazione originaria comprende sei elementi: Bruno lo Turco (chitarra), Maurizio Massi (basso), Salvatore Romano (chitarra), Andrea Nicolè (batteria), Edoardo Ravaglia (piano, tastiere).

Con questa line-up, la band registra il primo disco “L’età Inquieta” (Blond Records-Bludeepa) nel 2004 e cominciano a farsi conoscere in giro per l’Italia con vari concerti.

Due anni dopo, l’incontro con il produttore Saro Cosentino (collaboratore di Peter Gabriel, Franco Battiato, Nada, Radiodervish, Massimo Zamboni) segnerà una svolta artistica per il gruppo, che nel frattempo ha visto uscire Edoardo Ravaglia. Il frutto della collaborazione con Cosentino è “In assoluta presenza di fragilità” (Bludeepa-Audioglobe), il secondo lavoro della band che si caratterizza per testi più ricercati e un ricorso più convinto alle sonorità elettriche. Ne sono testimonianza il lungo tour di concerti che attraversa la penisola.

Nel 2012 il maestro Danilo Mintrone entra a far parte dei Bludeepa, che attraversano una fase di rinnovamento nella formazione del gruppo e nel modo di lavorare, ora maggiormente focalizzato sulla composizione di carattere orchestrale.

Nel febbraio 2018 esce su tutte le piattaforme on line il terzo disco. “Il Cielo Arma d’Amore – coloro che non vuole vedere distrutti” viene pubblicato in italiano e in inglese (“Heaven arms with love – those who are not to be destroyed”) ed è concepito come lavoro “aperto” in quanto la band, ora composta da quattro elementi, ha deciso di continuare ad ampliarlo dei pezzi che continuerà a produrre nel futuro prossimo. Saro Cosentino, ancora una volta, è al fianco della band nella supervisione artistica.

Nei brani in studio, la band si avvale di Enrico De Angelis (basso, chitarre, cori) e di Emiliano Chiocciolini come batterista (insieme a Butcovich).

Discografia

L’eta’ inquieta” (2004), cd coprodotto dai Bludeepa e dalla Blond Records; distribuito da Mediamusicaitalia.
In assoluta presenza di fragilita‘” (2006), mini-cd di sei brani, prodotto dai Bludeepa, con la produzione artistica di Saro Cosentino distribuito da Audioglobe.

Inoltre i Bludeepa appaiono nelle compilation:
Energie alternative” (2005), cd dedicato ai gruppi che ruotano (o hanno ruotato) attorno all’Associazione culturale Vitamina T.
Fuoriscena” (2006), doppio cd del Circolo degli Artisti (Roma) dedicato alle migliori band emergenti della scena romana

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO