EVENTI – Ripartono a Roma le Lezioni di Storia dell’Auditorium Parco della Musica

0
85
Auditorium Parco della Musica - Credit: Roberto Ventre via flickr

Saranno “Le opere del’uomo” al centro della XIV edizione delle Lezioni di Storia, che ripartono all’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 10 novembre al 29 marzo. Dalle Piramidi al Partenone, dal Colosseo alla Mezquita di Cordoba, passando per Piazza San Marco, Versailles e il Teatro alla Scala, fino ad arrivare alla Statua della Libertà e al Muro di Berlino: saranno questi i protagonisti del nuovo ciclo, raccontati con un approccio inedito per capire perché alcune opere restano nei secoli a testimonianza di una civiltà, unendo o dividendo e mobilitando migliaia di persone. Prendendo spunto dalla storia della loro realizzazione, nove studiosi d’eccezione, autorevoli per rigore scientifico e brillanti per efficacia comunicativa, ricostruiranno l’origine di un’idea, il suo farsi concreto, ma anche quali implicazioni – con la storia, la cultura, il denaro, il potere e il consenso – sono connesse alla sua realizzazione.

A condurre il racconto, guidati dall’introduzione dello scrittore Paolo di Paolo, ci saranno Giuseppina Capriotti Vittozzi, a capo del centro archeologico italiano Ambasciata d’Italia al Cairo, Luciano Canfora, professore emerito dell’Università di Bari, e Andrea Giardina, professore di Storia romana presso la Scuola Normale Superiore. E poi ancora: Amedeo Feniello, ricercatore all’Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea (ISEM) del CNR e docente di Storia medievale all’Università dell’Aquila, Alessandro Marzo Magno, giornalista, storico e scrittore, e Luigi Mascilli Singorini, docente di Storia moderna presso l’Università di Napoli L’Orientale. Per finire con Carlotta Sorba, professoressa di Storia contemporanea all’Università di Padova e a capo del Centro interuniversitario di Storia Culturale (CSC), Francesca Lidia Viano, del Weatherhead Center for International Affairs, presso l’Università di Harvard, e Carlo Greppi, storico, scrittore e dottore di ricerca in studi storici.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO