Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 29 settembre 2020

  • MP News
  • Planet

Il gioco del rumore

Come una serata romana particolare può rivelarsi uno spunto di riflessione per gli ultimi casi che coinvolgono Berlusconi

25.01.2011 - Valentina Vivona



"Se domani volete andare in giro e raccontare di avere visto qualcosa di unico, rimanete in silenzio". Questo è l'annuncio, semplice, lanciato dal cantante dei Rein, gruppo di Roma che con la sua musica attualizza le sonorità folk dei Modena City Ramblers. "E i condizionatori che faccio, li lascio accesi?", interroga la platea il padrone del Beba do Samba (nel quartiere San Lorenzo). "SPEGNI!" è la risposta, più o meno compatta, del pubblico.

Quali premesse possono essere migliori per una serata che si propone di offrire un aperitivo biologico e un concerto a lume di candela, senza microfoni né amplificatori - in altre parole - senza consumi e senza emissioni? Lifegate, stazione radio intrinsecamente legata alla lotta per la sostenibilità ambientale, ha posto la scommessa.

Tempo al contrabbasso e alla chitarra di accordarsi, una famigliola fino a quel momento in silenzio inizia ad ironizzare sull'assenza di rumori nel minuscolo locale. Poco prima dell'annuncio, si erano festeggiati due compleanni. Al termine della prima canzone, una delle festeggiate sentenzia: "Canta più forte. Io mi faccio sentire anche quando sono senza microfono!". Il cantante risponde dicendo: "Infatti è da anni che cerchiamo una voce per il gruppo" e riattacca con il secondo pezzo. Ma la sfida è ormai lanciata. Guerriglia di bicchieri, risate, chiacchiere, vociare, si oppone ai suoni provenienti dal palco. La luce del condizionatore è accesa. Dove sono finite le premesse? E dov'è finita la musica? "Chi rispetta la regola del silenzio è autorizzato a menare a sangue chi disturba", ricorda il cantante, lanciando un appello. "A bello, la gente è venuta per divertirsi però!", reclama la neo-trentenne. Le stipate presenze decidono, allora, da che parte stare: ad alzare il volume dei Rein cantando in coro i loro pezzi, o dalla parte del boicottaggio. Le due parti, al termine della serata, sono entrambe convinte di aver vinto.

Eppure qualcosa non torna. Perché un battibecco tra una ragazza nevrotica e un cantante dalla voce forse troppo fievole mi fa pensare a Ruby, alle gemelle De Vivo, alle reazioni a questa vicenda di Arcore che sembra avere come unico risultato quello di renderci definitivamente ridicoli agli occhi del resto del mondo? Per le strade si commenta dicendo "Se lui è eletto dal popolo, è giusto che tutto il popolo si scopi Ruby".  C'è chi è nauseato, c'è chi ha smesso di seguire i Tg. "Tanto è tutto così distante". C'è chi non crede a una sola parola delle intercettazioni, chi si appiglia a questo gossip sperando che sia la volta buona per vederlo cadere. Tutto è, quello che sta accadendo, tranne che uno scandalo.

Come fa Berlusconi a governare ancora? Si chiedono i giornali stranieri. Perché non siamo neanche capaci di muoverci insieme per far funzionare una serata che si propone diversa, è questa la risposta. Un dettaglio che ci racconta come siamo ormai dipendenti dal rumore, dalle chiacchiere al punto da non sopportare di ascoltare voci non nostre. Riecheggiamo di talmente tanti suoni da non prestare attenzione a quelli che segnalano un problema.  La vanità rende tutto un pettegolezzo, una intrusione. I magistrati ledono il diritto alla privacy - secondo questa logica - così come i musicisti sperimentali privano a chi compie gli anni il suo protagonismo.

Induzione alla prostituzione, è una delle accuse ventilate. Induzione alla prostituzione del popolo italiano, aggiungerei. Siamo insensibili, incapaci di godere, privi di responsabilità individuale. Incredibilmente poveri, se ancora abbiamo bisogno di metterci in mostra per sentirci validi.

Dicevano che eravamo un popolo di poeti. Dove sono finite le nostre premesse? La nostra musica?

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.