Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 26 settembre 2020

  • MP News
  • Musica

Comets on Fire - Avatar

26.02.2007 - Edoardo Iervolino



RECENSIONE - La via del basso di Franco Di Donato

Bassista tra i più virtuosi e apprezzati nel panorama italiano ed europeo, pubblica ora un doppio singolo e un...
Leggi l'articolo

SPETTACOLI - La Roma S...Canzonata di Sandro Scapicchio

Venerdì 15 maggio 2015 allo storico Teatro cabaret "Il Puff" di Trastevere lo spettacolo-recital del cantautore...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Enrico Dindo e i Solisti di Pavia

Giovedì 23 aprile, alle 21, presso il Collegio Borromeo di Pavia, una serata all'insegna di Schubert
Leggi l'articolo

Titolo: Avatar
Artista: Comets on Fire
Etichetta: Sub Pop
Anno d'uscita: 2006
Genere: Psichedelia
Voto: 7.5/10

Vi è mai successo di sentire uno strano fuoco corrodervi lo stomaco e contemporaneamente provare un inusitato dolore ai timpani? A me capita ogni volta che gira nel mio lettore "Avatar" dei Comets on Fire.
Spiazzante, deviato. Non ci sono altri termini. Parlare di generi dinnanzi a questo gruppo californiano è futile: sono semplicemente dei malati di mente con svariati strumenti fra le mani. Non è rock, nè heavy metal. Nemmeno jazz o blues. La psichedelia c'è. Noise? Non solo. Il termine post rock solo una limitazione. I Comets on Fire sono tutti i generi e nessuno; sono follia e genialità barbarica: creano sensazioni, descrivono riti tribali, tracciano in modo indelebile il confine tra bene e male, tra magia e realtà. Il cervello gradisce ma, dopo il primo ascolto, i timpani chiedono di smetterla con questa musica violenta, totalizzante, eccentrica e masochista.

"Dogwood Rust", una travolgente eruzione sonora, è solo l'incipit di un vero e proprio gioiello nascosto del panorama musicale: le distorsioni ("Holy teeth") si alternano a fughe jazzate ("Jaybird"), i loop ("Sour Smoke") fanno da sfondo ad accordi blues, struggenti ballate ("Lucifer's Memory") si uniscono in pratiche orgiastiche con i suoni sintetizzati, privi di raziocinio. Le orecchie sono sature. Lo spirito sarà appagato solo dopo l'ennesimo ascolto. La Musica ha vinto di nuovo. Il silenzio, alla fine dell'ascolto, vi sembrerà ancora più insulso.

Tracklist

  1. Dogwood Rust
  2. Jaybird
  3. Lucifer's Memory
  4. The Swallow's Eye
  5. Holy Teeth
  6. Sour Smoke
  7. Hatched Upon The Age
BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.