Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


giovedì 09 aprile 2020

  • MP News
  • Musica

Recensione Musica: The Peacocks - Touch and Go

22.04.2008 - Marco Valerio Moretti



RECENSIONE - La via del basso di Franco Di Donato

Bassista tra i più virtuosi e apprezzati nel panorama italiano ed europeo, pubblica ora un doppio singolo e un...
Leggi l'articolo

SPETTACOLI - La Roma S...Canzonata di Sandro Scapicchio

Venerdì 15 maggio 2015 allo storico Teatro cabaret "Il Puff" di Trastevere lo spettacolo-recital del cantautore...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Enrico Dindo e i Solisti di Pavia

Giovedì 23 aprile, alle 21, presso il Collegio Borromeo di Pavia, una serata all'insegna di Schubert
Leggi l'articolo

Titolo: Touch and Go
Artista: The Peacocks
Etichetta: People like you
Anno d'uscita: 2007
Genere: Rockabilly\ Punk
Voto: 6.5/10

I The Peacocks, una band che sembra più inglese che svizzera qual è, riescono a coinvolgere con un rock divertente e genuino, che certo non dice niente di nuovo, ma che si fa ascoltare tranquillamente. La musica della band è un misto tra rockabilly e punk (che in alcuni pezzi si fa sentire particolarmente), ma, riprendendo tale e quale un certo “discorso” degli anni ottanta, non disdegna incursioni nel rock ‘n roll di stampo un po’ più “hard” né, come segnalano alcuni recensori, addirittura nello “Ska revival” (forse riferendosi a pezzi come “Secret club”). L’attacco di “Gimme More” ricorda addirittura “Capricorn” dei Motorhead, ed in effetti questi ultimi sono la band hard rock che per prima viene in mente ad un appassionato del genere che ascolti i Peacocks, evidentemente per le caratteristiche di commistione tra metal e punk della band di Lemmy, che è stata in grado di influenzare il rock a 360 gradi o quasi. Una delle caratteristiche più apprezzabili del disco sono i pezzi frizzanti e movimentati (sono parecchi gli up-tempo), carichi di una certa vivacità per tutta la durata dell’ascolto, che risulta sempre piuttosto “easy”, complice la breve durata delle songs (come da tradizione del genere musicale). L’album si compone di 16 brani, la cui durata spazia dal minuto e undici secondi di “Zurich is a cocaine town” (poco più di un intermezzo) ai tre minuti e trentuno di “Next room sleeping”. Non male la ballata rock “I don’t care”, che arriva al momento giusto per spezzare il ritmo di un disco che certo rischia di cadere nella monotonia, particolarmente apprezzabili canzoni vivaci come “Want, need, afford”, “Kind word don’t butter too many spuds” e “Work with u”, oltre alla già citata “Gimme more”. Niente di speciale, ma sicuramente ascoltabile ed in grado di piacere agli amanti del genere.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.