Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 25 settembre 2020

  • MP News
  • Musica

Drink to Me: don’t panic, go organic!

Faticosamente ascoltato per voi uno degli album italiani dell’anno

26.06.2008 - Andrea Pergola



RECENSIONE - La via del basso di Franco Di Donato

Bassista tra i più virtuosi e apprezzati nel panorama italiano ed europeo, pubblica ora un doppio singolo e un...
Leggi l'articolo

SPETTACOLI - La Roma S...Canzonata di Sandro Scapicchio

Venerdì 15 maggio 2015 allo storico Teatro cabaret "Il Puff" di Trastevere lo spettacolo-recital del cantautore...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Enrico Dindo e i Solisti di Pavia

Giovedì 23 aprile, alle 21, presso il Collegio Borromeo di Pavia, una serata all'insegna di Schubert
Leggi l'articolo

http://a983.ac-images.myspacecdn.com/images01/68/l_85a1e278c816a3d02737c6da83e905a6.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per i Drink to Me è stata già scritta la sentenza definitiva:
"Lo sfondo strumentale è un paesaggio dipinto su carta vetrata, straziato da chitarre battenti come una capocciata al muro. Una matrice indubbiamente nevrotica, ma capace di aprirsi a languide cantilene elettroacustiche.
Malinconici, nostalgici ed un po' poser"
(Stefano Rocco, su Rockit)
Mi ritengo assolutamente incapace di descriverli meglio: parola per parola è ciò che penserete anche voi ascoltando "Don't panic, go organic!". Se vi sembra una cosa interessante da pensare, rimediate il disco.
Otterrete in cambio, lungo tutta l'area del palato della vostra bocca, tra non troppo tempo, il sapore della frase "ah si, già li conosco questi. Bravi, no?"

Dancin' on TV
1- Ahiahiahi. Cominciamo male. Mi sono messo in testa fare una domanda per canzone. E però già mi piacete troppo per essere obiettivo. Dancin' on TV è una nenia fastidiosa ed improvvisamente drammatica. La voce è ok, non sbava, m'è piaciuta ogni nota sputata fuori dalla bocca. Arrangiamento curato e sentito. Emotivamente coinvolgente. Ma non mi preoccupo, già dalla prossima traccia potreste farmi schifo!
Cookin my brain on the beach.. perché?

La frase ha senso nel contesto

"Let's go dancin' in the street...
c'mon watch it on TV!
same old pictures of the sea:
(me) cooking my brain on the beach"

Credo cosi sia chiaro. Ballare in TV, fare le solite foto delle vacanze, entrare nella solita circolarità. Non si scappa. Il cervello va aputtane quasi inevitabilmente... E poi è un'immagine che fa ridere!

Frozen George
2- Uff, questa l'avevo già sentita. M'è piaciuta già la prima volta, anche se in quell'occasione riuscì a stufarmi sul finale. Invece no, stavolta no. Chi è George? Perché è Frozen?
(Sai cosa m'è piaciuto? Il tuo riferirti a Frozen George come ad una canzone romantica. Eppure non c'è l'amore di mezzo: viva dio).

George ha un po' di problemi. E non riesce nemmeno a piangere. George vuole calore, e lo cerca nel sole. Prende l'astronave e va verso il fuoco definitivo. E' romantico, secondo me, perchè la melodia è nostalgica, e la situazione descritta trasuda amore senza nominarlo... Da qualche parte avevo letto che il sucidio al contrario di esprimere disinteresse per la vita, esprime l'amore per essa e la sofferenza per le condizioni in cui la si vive, che non sono all'altezza del suo valore. Schopenhauer? Boh...

Drunk-on's
3- "Abbiamo iniziato a suonare quando Ivrea è morta" avete raccontato voi. "Ivrea non vi ha dato un cazzo". Chi vi ha dato cosa? Da quanto suonate assieme? Quanto conta l'acol nella vostra vita?

Ivrea non ci ha dato nulla se non l'occasione di incontrarci. Musicalmente è morta da un po', almeno per i nostri gusti. Gli ultimi sono stati gli Isobel (www. myspace. com/4isobel) ma anche loro hanno appena gettatola spugna! Non c'è voglia di osare, sperimentare. Generalmente scarso interesse per i concerti.
Ci ha dato molto il vivere con la testa altrove, oltreoceano, oltremanica. Blow Up, qualche amico ben informato, andare ai concerti a Torino o Milano, a volte anche più lontano... Abbiamo sempre voglia di ascoltare cose nuove, essere folgorati e ispirati.
L'alcol conta. Ogni concerto è un'occasione per sbronzarsi, tanto che ormai Carlo (bassista) lo fa anche prima di suonare. Uscire la sera idem, a parte rare e tristi eccezioni in cui ti sforzi di andare a casa presto e senza bere, e sembra che la serata non sia stata consumata a dovere...

Isane
4- Tutta 'st'ondata new wave a voi tre provincialotti non vi tange proprio. E si sente. Don't Panic, go organic! è limpido e grezzo. E' un affare vostro, poco forzatamente contaminato dalla contemporaneità modaiola.
It's not revolution, everything is like everyday: quali fasi avete cavalcato per arrivare a ciò che siete oggi? E quanto sentite "conclusivo" il vostro album? Parlo di sound, di qualità dei testi, di affiatamento e chissà cos'altro. Lo so, ora risponderete che "non ci sentiamo affatto arrivati, questo è solo un punto di partenza. Ma soprattutto sperimentiamo continuamente e per il prossimo album chiameremo Brian Eno"...

Mi hai tolto le parole di bocca! Davvero!
Ora cerco di essere meno scontato.
L'album chiude tutto il nostro periodo iniziale. Trovi cosa i Drink to me sono tra il 2002 e il 2007. Il suono nel primissimo demo era piu uniforme, chitarroso-noise-sonic ecc, poi è diventato piu ricco, con spunti piu stravaganti, per giungere ad essere una ricerca costante della soluzione particolare e insieme travolgente. Suonare seguendo la via più facile non ha mai fatto per noi. Abbiamo sempre cercato l'originalità, o per lo meno di colpire chi ascolta. I testi son sempre più ironici ma sensati, ho sempre più gusto a inventare storie da raccontare, piuttosto che fare l'esistenzialista dei poveri. L'affiatamento c'è sempre stato perchè siamo molto amici, poi c'è stato un momento strano che ha portato all'abbandono da parte di Pierre (chitarrista) e siamo rimasti in tre. Ora però l'affiatamento è al suo massimo storico, soprattutto per tutti i concerti fatti con questa formazione. Ora stiamo scrivendo i pezzi per il nuovo disco, abbiamo un mese di pausa dai concerti, e sta venendo fuori robba forte...

Deset eye
5- Facciamo che vi presentate? in questa foto "chi è chi" e "chi fa cosa".
In questa traccia è chiara l'influenza di Alberto Camerini. Vi ha guidato molto la sua creatività? O_o ehm....

Da sinistra: Marco (voce-chitarra-synth), Carlo (Basso-cori-in futuro Microkorg), Francesco (batteria-cori-in futuro Tenori-on). Tre bravi ragazzi.
No, camerini non tanto. Non so chi abbiamo plagiato qui. Un po' di Blonde Redhead? Ti svelo un segreto: Dancin' on TV è nato come finale per questa canzone. Poi è diventato un pezzo a sè.

Because because
6- Bell'esperimento Ungarettiano, per una canzone fatta di sole due frasi:
just because it makes you happy doesn't mean you're fool at all
just because it makes you cry doesn't mean you're all alone... You're not alone...
Una delicata melancolìa che improvvisamente rilassa il disco (il cantante, per sdrammatizzare la struggente delicatezza del brano, dal vivo canta con un cartello al collo sul quale è disegnato un gigantesco e pantagruelico fallo).
Chi è l'autore dei testi? Come ci racconta questo fenomeno creativo? Attinge pari pari dalla vita sfruttando metafore e ardite confessioni o lavora solo con la sua lasciva amica DMT?

I testi li scrivo io, a volte Francesco mi aiuta con idee strambe (vedi il testo di Camposanto). Questa canzone nasce come scherzo, in realtà. Improvvisavamo in saletta e io facevo il super-sensuale-trash. E' venuta fuori una cosa sensata, e l'abbiamo tenuta. In genere nei testi non parlo di me, mi piace inventare storie e provare a mettere in ridicolo certi aspetti della vita. Tra il comico, il surreale e la critica sociale. Ma si, tiriamocela...

http://a490.ac-images.myspacecdn.com/images01/21/l_c88f140b76ab1aa22c3dee773eed8e51.jpgPut your head in the sky
7- Finalmente una canzone che non mi convince. Cosa vuol dire "CHEPOLATA"?

E' una delle nostre preferite! Chepolata è un modo di dire salsiccia. E ovviamente qualcos'altro...

Love my job
8- Già! Quanto potete essere contenti di guadagnare facendo finta di lavorare e andando a spese della produzione a Londra a registrare? E soprattutto: riuscite a campare con la musica? Avete le facce rilassate di chi c'è la fa!

Aspetta! Frena! La produzione del disco ci è andata di lusso grazie a Midfinger, però con la musica ci manteniamo solo la musica stessa, ricoprendo le spese e reinvestendo in musica. Ci tocca cercare altrove i soldi! Francesco fa il grafico pubblicitario, Carlo il ricercatore al Politecnico, io studio ancora ma vivo di borse di studio e varie agevolazioni. Capisci amme'?

Paso Adelante
9- Ma che titolo è? Ma dico: siamo pazzi? Cioè, solo i Queen fecero peggio con l'obrobriosa Las Parablas de Amor. Però almeno non cantate idiozie spagnoleggiani. Complimenti, avete resistito alla tentazione di cadere nel baratro. Per rimanere nel romantico: STUPROBRUCIO. Cosa ci raccontate di questa parola? Punto 1: come vi è venuta in mente. Punto 2: cosa sta ad indicare.

Bellissima la serie tv "Paso Adelante"! La conosci vero?
Stuprobrucio non vuol dire nulla. E' nata da una sorta di sgrammaticatura dovuta al fumo, in una seduta spiritica che facemmo per gioco al mare anni fa. Una ragazza era visibilmente convinta del tutto, e si è spinta a chiedere quando sarebbe morta. E poi a chiedere se sarebbe morta di morte violenta. Un nostro amico ha cercato di specificare la domanda e ha detto: "Una morte tipo stupro e poi brucio?". Ci fece molto ridere perchè aveva confuso sostantivi e verbi. Solo per quello. Quando volemmo fare per gioco un'etichetta di cd-r (che vive tutt'ora) la chiamammo cosi. Un nome catchy, fastidioso e senza alcun senso.

Xxxx (titolo assente dalla tracklista inviatami dagli autori)
10- Ai miei occhi non apparite molto professionali se fate così. Vi avevo chiesto tutti I testi delll’album e non mi avete mandato il testo della decima traccia. Per protesta affermo ufficialmente che questa è la più brutta canzone mai scritta dai tempi del secondo album di Ricky Martin.
Quali tra i talenti prodotti dalla STUPROBRUCIO ci consigliate?

Sicuramente Goacchino Turù e la new entry che stiamo mixando e preparando a conquistare il mondo, i Key-Lectric.

Music could be poison
11- Adoro le ballate. Ci sono un mucchio di canzoni pazzesche nel vostro album. Ma adoro le ballate, e ho deciso che questa è la traccia che mi piace di più. Sarà che c'è la parola "sad" e che la voglia di ubriacarsi, il tramonto, il dialogo, la frase "leave me alon, dirty bastard!" mi ha fatto pensare a Fitzgerald e al suo Belli e dannati. Perdonate i voli pindarici, ma anche questo credo sia segnale di un disco veramente eccezionale. Mancano due tracce, dubito sarete capaci di sputtanarvi in così poco tempo.
Cosa stai ascoltando maggiormente questo periodo?

Tutti e tre ascoltiamo cose diverse in sto periodo. Te lo dico mescolando e senza fare nomi. Uochi Tochi, Tv On The Radio, Battisti, Burial, Arthur Russel, Wire, Mark Stewart, Chrome, Aphex Twin, Bonnie "Prince" Billy.

Cinebrivido
12- “I feel the universe”. Spiegaci come fai.

Quando stai bene, e tutto intorno a te diventa un gigantesco e orgiastico luna park, e senti che anche se tutto è allo sfascio l'amore per questa manciata di anni di vita che restano ti divora, allora sentirai l'universo nella tua tasca.

Camposanto
13- Non ricordavo questa canzone di Peter Gabriel. Interessante.
Almeno per ora non devo dare voto a questo disco. Altrimenti non saprei come fare: dare un 8? Oddio, non esageriamo, non mi va di essere così gentile. Quanto vi date?

Peter Gabriel è un genio. Grazie dell'accostamento!
Ci diamo 8. Per la fantasia, l'originalità, il sudore. E la produzione. Roba rara in Italia. Ma poi che senso avrebbe se non piacesse prima di tutto a noi?

p.s. ho scordato un po' di cose:
Perché "Drink to me"?

Drink to me è il primo verso di quella poesia di Ben Jonson contenuta nel testo di Drink to Celia (vedi sotto n.d.a.). E' un bel nome, e poi ci rispecchia.

Perché "Don't panic, go organic!"?

Don't Panic Go Organic è il nome di un negozio di roba biologica gestito da indiani che sta di fronte allo studio di registrazione a Londra. Una delle poche volte che ci siamo entrati, Carlo ha chiesto se vendevano accendini...

Perché non ci dite 5 personaggi/uomini/animali che vorreste veder morti? (capirete, vorrei rispettatre la tradizione)

Jessica Beatrice Fletcher, il commissario Rex, uno a caso, Condoleezza Rice, un altro a caso.

p.p.s. anche se non mi avete inviato il testo, Drink to Celia, è un piccolo gioiello.

Drink to Celia

{based upon “To Celia” by Ben Jonson 1573–1637}

"Drink to me only with thine eyes,
And I will pledge with mine;
Or leave a kiss within the cup,
And I’ll not look for wine.
The thirst that from the soul doth rise
Doth ask a drink divine;
But might I of Jove’s nectar sup,
I would not change for thine

I sent thee late a rosy wreath,
Not so much honouring thee
As giving it a hope, that there
It could not withered be"

Why do we look for love?
Don't ask yourself.
Why do we ask for love?
Don't ask yourself.
Why do we die for love?
Don't ask yourself.
Sit down, repeat with me: don't look for love.

"But thou thereon didst only breathe,
And sent’st it back to me;
Since when it grows, and smells, I swear,
Not of itself, but thee."

Gone, yes it's gone... There was something I did't try to understand but made me realize: there's something terrible we didn't do and something terrible we didn't mean to do...

Don't ask me what
Don't ask yourself
Don't look for love, no
don't look for love

Why do we look for love?
Don't ask yourself.
Why do we ask for love?
Don't ask yourself.
Why do we die for love?
Don't ask yourself.
Sit down, repeat with me: don't look for love.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.