Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 24 febbraio 2020

  • MP News
  • Musica

Tra passato, presente e futuro della musica: Giovanni Allevi

01.07.2008 - Valentina Berdozzi



RECENSIONE - La via del basso di Franco Di Donato

Bassista tra i più virtuosi e apprezzati nel panorama italiano ed europeo, pubblica ora un doppio singolo e un...
Leggi l'articolo

SPETTACOLI - La Roma S...Canzonata di Sandro Scapicchio

Venerdì 15 maggio 2015 allo storico Teatro cabaret "Il Puff" di Trastevere lo spettacolo-recital del cantautore...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Enrico Dindo e i Solisti di Pavia

Giovedì 23 aprile, alle 21, presso il Collegio Borromeo di Pavia, una serata all'insegna di Schubert
Leggi l'articolo

Pianista e compositore italiano nato ad Ascoli Piceno il 9 aprile 1969: questa è la telegrafica presentazione biografica del personaggio Giovanni Allevi che campeggia in rete. “Mozart del 2000” e “genio italiano del pianoforte” sono invece le definizioni che il mondo della musica gli attribuisce. Perché Allevi è così, in bilico tra il passato e il presente della tradizione musicale; in un continuo “parricidio” – dice lui – di autori come Wagner, Bach, Liszt, perpetrato solo con l’intenzione di rendere viva la musica classica, vicina agli ascoltatori e non più settore di nicchia. Il diploma di pianoforte al conservatorio “F. Morlacchi” di Perugia ed uno in composizione presso il “G. Verdi” di Milano, gli studi presso l’Accademia Internazionale di Alto Perfezionamento di Arezzo sotto la guida del maestro Carlo Alberto Neri, la laurea cum laude in Filosofia con tesi su “Il vuoto nella Fisica contemporanea” sono infatti quella formazione classica che Allevi, di brano in brano, reinterpreta e reinventa, in una perfetta fusione tra ieri, oggi e domani. << La mia è musica -afferma- classica –contemporanea; è un linguaggio che appartiene alla tradizione classica ma vive nell’oggi. Amo i grandi della composizione e i più moderni Frank Zappa o  Emerson Lake Palmer- continua- lasciandomi ispirare da loro ma non facendomi influenzare, non incappando in una contaminazione rock/classica.>>. E’ così che nasce la sua musica ed i suoi brani; quelle stesse composizioni che l’hanno portato a diventare uno dei compositori più noti al momento ed uno dei pochi privilegiati ad essersi esibito in Germania, con la Berliner Philarmoniker, nei teatri di New York, dove era stato invitato a seguire seminari sul rapporto tra musica contemporanea e filosofia presso la School of Philosophy, e a Tokio, dove la musicista nipponica Nanae Mimura ha portato sul palcoscenico tracce dell’album “13 dita” (1997) riadattate per il suo strumento. Un riconoscimento prestigioso ed importante, concesso al compositore italiano e alla sua discografia che, dopo le esperienze di “13 dita”, “Composizioni” (2003), “No concept” (2005) e “Joy” ( 2006), si arricchisce delle note dei 10 brani di Evolution, ultima fatica discografica dell’italiano uscita lo scorso 13 giugno. Un album che, nell’ambito della produzione musicale del pianista, rappresenta una svolta: non più solo le note del pianoforte, ma anche l’apporto dell’orchestra sinfonica, magistralmente diretta, che impreziosisce l’esecuzione di brani travolgenti ed emozionanti nati così, quasi per caso, tra coscienza e incoscienza. E, per far conoscere l’album, il compositore ascolano ha allestito una tournée estiva di 26 tappe: la partenza è stata ad Assisi lo scorso 20 giugno, in una serata tra spiritualità e magia. <>. Un abbraccio completo di musica e paesaggio, l’aria sognante ed irreale di un piccolo uomo, che si definisce un “marziano”, a spasso tra storia passata, presente, futura della musica, sempre con gli occhi sognanti di chi deve ancora crescere e scoprire: questo è “Evolution” e questo è Giovanni Allevi.
BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.