Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 10 luglio 2020

  • MP News
  • Musica

Slint - Spiderland

12.03.2007 - Edoardo Iervolino



RECENSIONE - La via del basso di Franco Di Donato

Bassista tra i più virtuosi e apprezzati nel panorama italiano ed europeo, pubblica ora un doppio singolo e un...
Leggi l'articolo

SPETTACOLI - La Roma S...Canzonata di Sandro Scapicchio

Venerdì 15 maggio 2015 allo storico Teatro cabaret "Il Puff" di Trastevere lo spettacolo-recital del cantautore...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Enrico Dindo e i Solisti di Pavia

Giovedì 23 aprile, alle 21, presso il Collegio Borromeo di Pavia, una serata all'insegna di Schubert
Leggi l'articolo

Titolo: Spiderland
Artista: Slint
Etichetta: Touch & Go
Anno d'uscita: 1991
Genere: Post Rock
Voto: 9,5/10
Pochi album nella storia della musica favoriscono un flusso di coscienza come “Spiderland” degli “Slint”. Questo cd è una gemma di luminosa bellezza, è un caldo buio in cui perdersi con piacere, è un’elettrizzante esperienza sensoriale, è la pace che cerca ogni cuore.
Tortosie e Sonic Youth. Post rock e Hardcore. “Spiderland” potrebbe essere la colonna sonora di un romanzo di Douglas Coupland; poterebbe descrivere anche “Il Corvo” di Poe. E’ la Babele della “Generazione X” americana.

“Breadcrum Trail”: il lungo viaggio apollineo, poetico, struggente è iniziato. Per completarlo gli Slint hanno alternato, alla rassegnata monotonia della vita che emerge da ogni nota, magistrali schizzi di rabbia dionisiaca: i perversi terremoti di feedback, entrano nel magma dei pensieri, interrompendoli bruscamente.
“Breadcrum Trail” dicevamo: sei note in croce, qualche armonica di chitarra e improvvisi boati di feedback; poi, come sempre, di nuovo pace.

“Nosferatu man” gioca molto sulle infinite possibilità che una chitarra ti pone davanti: riff “fischiato” con overdrive, tema in clean, ritornello con il fuzz.

“Don, Aman” è la poesia più bella mai messa in musica: l’empatia nell’ascoltatore raggiunge livelli sconosciuti ai più. Una languida e incisiva danza metropolitana ci conduce nelle strade della più profonda provincia americana, nella desolazione e solitudine più totale.

La magia prosegue con il ritornello di chitarra fra i più armonici della storia: “Washer” continua il filone poetico-musicale (magnifico il “Goodnight my love” con cui inizia il parlato) che gli Slint percorrono come nessun altro. Uno dei migliori brani della loro brevissima carriera.

La coda si strascica lenta tra il jazz strumentale di “For Dinner…” e lo scampanellio di “Good Morning Captain” che finisce con i versi urlati che sanciranno la fine dell’esperienza Slint: “I miss you”.

Ci mancano. Ci mancheranno.

Solo Lucio Fontana riusciva a ferire il medium artistico come gli Slint.

Un’esperienza unica. L’ansia di vivere è tutta in una manciata di note e in qualche pausa. Chitarra-Basso-Batteria-Voce è la formula della musica. Loro hanno aggiunto a questo “quadrato magico” un quinto angolo e lo hanno posto al centro del loro progetto: l’ascoltatore.


Tracklist

  1. Breadcrumb Trail
  2. Nosferatu Man
  3. Don, Aman
  4. Washer
  5. For Dinner...
  6. Good Morning, Captain
BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.