Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 25 settembre 2020

  • MP News
  • Musica

The Dark Side of the Moon - Pink Floyd

24.04.2007 - Edoardo Iervolino



RECENSIONE - La via del basso di Franco Di Donato

Bassista tra i più virtuosi e apprezzati nel panorama italiano ed europeo, pubblica ora un doppio singolo e un...
Leggi l'articolo

SPETTACOLI - La Roma S...Canzonata di Sandro Scapicchio

Venerdì 15 maggio 2015 allo storico Teatro cabaret "Il Puff" di Trastevere lo spettacolo-recital del cantautore...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Enrico Dindo e i Solisti di Pavia

Giovedì 23 aprile, alle 21, presso il Collegio Borromeo di Pavia, una serata all'insegna di Schubert
Leggi l'articolo

Titolo: The Dark Side of the Moon
Artista: Pink Floyd
Etichetta: Capitol
Anno d'uscita: 1973
Genere: Rock
Voto: 9.5/10

Album tematico incentrato su tutto ciò che possa creare sconvolgimento nella vita, su tutto ciò che possa condurre alla pazzia, “The Dark Side of the Moon” è un calderone in cui sono rappresentate tutte le emozioni che il nostro cuore può sopportare: amore, sconforto, pace, odio, sfinimento, paura, rassegnazione, euforia, noia, annebbiamento, confusione, depressione, gioia. Il mondo è tutto riunito in un pugno di note, armoniose o meno, ma sempre ben dosate, che descrivono in modo accurato l’essenza della vita umana plagiata dal germe della follia.

Con più di 700 settimane di permanenza nelle classifiche di vendita della rivista musicale “Billboard”, questo album è uno dei più venduti nella storia della musica mondiale; vanta inoltre l’elezione a miglior colonna sonora per trip d’acido.

Il prisma della copertina, così precisamente innaturale, si propone nella sua geometrica struttura in ogni traccia, perfettamente bilanciata nelle tonalità e registrata in modo ineguagliabile: non c’è nota che non sia il canto del cigno che ogni band al mondo vorrebbe produrre.

La struggente bellezza della voce di Clare Torry in “The Great Gig in the Sky”, l’assolo di “Money”, la cullante armoniosità di “Breathe”, il ritornello di “Time”, la marzialità di “Brain Damage” rendono questo uno degli album di tutti i tempi. Le sottili sfumature sonore di cui questo lavoro è intriso, il perfezionismo maniacale nella cura del dettaglio, l’espressività della voce di Waters e della chitarra di Gilmour, che toccherà però il suo massimo in “Shine on you Crazy Diamond” da “Wish you were here”, il suono così delicato della batteria di Mason, le inserzioni rumoristiche onnipresenti (da un elicottero a dei registratori di cassa, da un battito cardiaco a una sveglia che suona), il pathos che si palpa canzone dopo canzone, l’alone mistico della grafica del booklet del vecchio LP con piramidi, prismi, colori d’arcobaleno, adesivi e poster, rendono il possesso di questo capolavoro dei Pink Floyd quasi obbligatorio.

“The Dark Side of the Moon” è l’ascolto che meglio rappresenta le forme della musica europea contemporanea: non ci sono generi, c’è solo un continuum logico in cui l’ascoltatore si muove e capta le forti sensazioni espresse dal gruppo inglese.

Immenso e complesso come la psiche umana.

 

Tracklist

  1. Speak to Me/Breathe in the Air
  2. On the Run
  3. Time/Breathe (Reprise)
  4. The Great Gig in the Sky
  5. Money
  6. Us and Them
  7. Any Colour You Like
  8. Brain Damage
  9. Eclipse
BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.