Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


domenica 05 luglio 2020

  • MP News
  • Musica

Live Report: Peaches @ Circolo degli Artisti

14.09.2009 - Chiara Landi



RECENSIONE - La via del basso di Franco Di Donato

Bassista tra i più virtuosi e apprezzati nel panorama italiano ed europeo, pubblica ora un doppio singolo e un...
Leggi l'articolo

SPETTACOLI - La Roma S...Canzonata di Sandro Scapicchio

Venerdì 15 maggio 2015 allo storico Teatro cabaret "Il Puff" di Trastevere lo spettacolo-recital del cantautore...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Enrico Dindo e i Solisti di Pavia

Giovedì 23 aprile, alle 21, presso il Collegio Borromeo di Pavia, una serata all'insegna di Schubert
Leggi l'articolo

Un Circolo degli Artisti gremito di gente, a discapito dei 20 euro di biglietto, è quello che mi aspetta venerdì sera per lo show di una sexy australiana 40enne, capace di vendere 3000 copie del suo ultimo disco solo a una settimana dall’uscita. Si tratta proprio di Merrill Beth Nisker, in arte Peaches.
Dopo quaranta minuti di attesa, tre Voltron con tanto di maschere 80’s e sigla A-team compaiono sul palco, preannunciando quello che sarebbe stato uno grande show a tutti gli effetti. Icona mai tramontata  dell’electro-indie, una Madonna trash con qualche chilo in più, identità sessuale ambigua e molto più stile, Peaches non si risparmia fra stage diving e coreografie da una nostrana Raffaella Carrà. Il pubblico è in delirio: ragazzine schiave delle ultime mode con cappellini e calze nere si mischiano a fan appassionati sulla quarantina e a semplici curiosi di un venerdì sera di fine estate. Peaches non si ripete, già dj protagonista indiscussa del Luglio romano insieme ai Crystal Castles, questa volta scatena la sua anima rock e la sua energia in un’atmosfera non meno calda (anche  per i 30° della sala).
Pezzi recenti come “Talk to me” tratto dall’ultimo lavoro “I feel creamy” si alternano a storiche “Operate” e “Boys wanna be her”.
Indiscussa rappresentante dell’electroclash anni ottanta, vero e proprio vulcano capace di duettare con icone come Iggy Pop fino alla non meno stravagante Beth Ditto, il camaleonte Peaches non delude, anzi si rinnova in continuazione. Lascia i fans senza fiato, ruba ventagli, gioca sensualmente con il pubblico.
Chi non muore si rivede, vien da dire.
Mi chiedo, con quanti anni in meno la ritroveremo al prossimo show?

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.