Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 25 settembre 2020

  • MP News
  • Musica

Recensione film Broderskab – Brotherhood

22.10.2009 - Valentina Ariete



RECENSIONE - La via del basso di Franco Di Donato

Bassista tra i più virtuosi e apprezzati nel panorama italiano ed europeo, pubblica ora un doppio singolo e un...
Leggi l'articolo

SPECIALE SANREMO - I 25 motivi per NON guardarlo

Tutte le alternative per la sopravvivenza musicale.
Leggi l'articolo

Al via la XLIII edizione del Festival Urbino Musica Antica

Undici concerti e corsi di perfezionamento nei luoghi più suggestivi della città dei...
Leggi l'articolo

Titolo: Broderskab - Brotherhood
Regia: Nicolo Donato
Cast: Thure Lindhardt, David Dencik, Morten Holst
IMDB:
Voto: 78/100

 

Danimarca, giorni nostri. Lars è stato appena congedato dall'esercito perché sospettato di omosessualità. Jimmy fa parte di un gruppo che inneggia alle idee razziste e violente di Hitler. Si incontrano grazie ad amici comuni. Comincia così questa storia durissima e cupa su un'inedita Danimarca contemporanea, in apparenza così civile e tollerante.
Tra i due, che si trovano a condividere la stessa casa da ristrutturare, come in un Brokeback Moutain nordico scoppia una passione travolgente, sbocciata a poco a poco tra assi di legno, grondaie da riparare e bagni al mare notturni. Una storia appassionata ma segnata fin dall'inizio: il gruppo non tollera certo gli omosessuali, anzi la notte se non va a caccia di immigrati si diverte a pestare ragazzi colpevoli di amare in modo "diverso".
Il giovane regista Nicolo Donato, qui alla sua prima prova cinematografica dopo diverse esperienze televisive e una carriera nel mondo della fotografia di moda, affresca un racconto dal forte impatto visivo ed emotivo: bellissima la prima scena d'amore tra i due, con primissimi piani che creano perfettamente la sensazione d'incerta e travolgente intimità.
Lars e Jimmy con intensi giochi di sguardi delineano con garbo una storia d'amore in piena regola che deve affrontare un ambiente apertamente ostile a qualsiasi sentimento d'amore e tenerezza. Il regista ci mette di fronte all'ossimoro di un amore sbocciato nell'odio, con tutto l'effetto tragico tipico dei drammi shakespeariani.
Ben girato, ben fotografato, ben recitato: un'opera prima sorprendente e convincente, forse con qualche sbavatura nel finale ma che si candida di diritto come una delle migliori pellicole in concorso quest'anno. Sperando che venga distribuito in Italia, non ci stupiremmo se arrivasse a vincere qualche premio in questa quarta edizione del Festival del cinema di Roma.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.