Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 24 febbraio 2020

  • MP News
  • Musica

Recensione : Phoenix – Wolfgang Amadeus Phoenix

11.01.2010 - Daniele Bagnol



RECENSIONE - La via del basso di Franco Di Donato

Bassista tra i più virtuosi e apprezzati nel panorama italiano ed europeo, pubblica ora un doppio singolo e un...
Leggi l'articolo

SPETTACOLI - La Roma S...Canzonata di Sandro Scapicchio

Venerdì 15 maggio 2015 allo storico Teatro cabaret "Il Puff" di Trastevere lo spettacolo-recital del cantautore...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Enrico Dindo e i Solisti di Pavia

Giovedì 23 aprile, alle 21, presso il Collegio Borromeo di Pavia, una serata all'insegna di Schubert
Leggi l'articolo

Titolo: Wolfgang Amadeus Phoenix
Artista: Pheonix
Etichetta: V2
Anno di uscita: 2009
Genere: Synth Pop, Indie Rock
Voto: 8

 

Ho sempre pensato ai Phoenix come ad un gruppo di amici, magari quelli dei tempi del liceo, che già a quell'epoca facevano musica principalmente per divertirsi, magari vedendosi dopo la scuola, rinchiudendosi in casa con la chitarra a provare più mosse possibili per essere cool invece di uscire con le tipe, guardando con una certa distanza tutto ciò che accadeva fuori. Tutto questo è sfociato fin dall’inizio in una sensazione di serenità nell’ascoltare i loro lavori, privi come sono di quell’ansia innata nel genere umano nei confronti del tempo.

Ecco quindi a tre anni da “It’s Never Been Like That” il quarto sforzo musicale di una delle band di spicco della prolifica scena parigina: Wolfgang Amadeus Phoenix. Un titolo del genere farebbe accapponare la pelle a chiunque si intenda anche lontanamente di musica a 360°: profanare il nome di un Dio classico della seconda metà del ‘700 come Mozart ed accostarlo ad una alternative band francese di fine millennio. Apparentemente nient'altro che un sacrilego.

E' giusto mettere in chiaro che non esiste nessun legame di sangue tra questi brani e le sinfonie del compositore austriaco, tranne qualche riferimento testuale alla musica classica sparso per il disco. “Lisztomania”, canzone d’ apertura e primo singolo estratto, ne è un esempio palese visto che il nome deriva da un film di Ken Russell sulla vita turbolenta del pianista Liszt. Questa traccia dà subito una sterzata di energia all’opera che continua indistintamente anche con la successiva – e altro singolo uscito- “1901”, se possibile ancora più eighties. I primi due brani infatti sono i più veloci e diretti del disco, con qualche segno di maturità in più rispetto al passato: funzionale in questo la riscoperta di tastiere e synth che creano un mix sensazionale tra Air e Daft Punk.

Da “Fences” in poi la velocità si riduce e ritorna in auge quel sound in classico Phoenix style che riproduce il mood dei precedenti tre lavori. E' la bellissima “Love Like a Sunset” – in una versione del disco questa traccia è spezzata in due parti, nell’altra è intera - che delinea la vera spina dorsale dell’album: nella maggior parte dei casi una traccia quasi del tutto strumentale come questa sarebbe posizionata alla fine, ma qui riesce ad essere incastonata alla perfezione a metà.

“Armistice” segna la chiusura e rappresenta poi un altro punto focale che tiene in piedi tutto il lavoro, legata in modo inscindibile con tutte le altre, oltre a dare continuità alla strada percorsa. Una menzione particolare va anche alla voce di Thomas Mars, sempre pulita e con una pronuncia inglese tendente al massimo, del resto è sempre stata una loro scelta quella di cantare nella lingua della Regina – e uno degli indizi per cui sono più popolari all’estero che in patria.

In conclusione quindi Wolfgang Amadeus Phoenix suona molto bene, dimostrando per l’ennesima volta le qualità di questo quartetto nella scena francese oltre ad essere uno dei dischi che rientrano nella ristretta cerchia dei bei ricordi musicali del 2009.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.