Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


domenica 29 marzo 2020

  • MP News
  • Musica

Recensione : Nil Durden - Heads or Tails

11.01.2010 - Gianluca Samà



Recensione: Versailles - Dust&Chocolate

“Dust&Chocolate è una bella prova di carattere (e, bisogna riconoscerlo, anche di talento di due...
Leggi l'articolo

Recensione : Jet - Shaka Rock

Il rock ‘n roll sembra essere la vera attitudine dei Jet, non all’altezza di scrivere buone ballate, vizio...
Leggi l'articolo

Recensione: R.E.M. - Collapse into Now

Liberatevi la mente dai pregiudizi, per prima cosa, e ascoltate “Collapse into Now” con la consapevolezza...
Leggi l'articolo

Titolo: Heads or Tails
Artista: Nil Durden
Etichetta: -
Anno di uscita: 2009
Genere: Rock
Voto: 7

 

Non tutti sono in grado di esordire nel panorama musicale con un LP. Il fatto di per sé non rappresenta un problema, anzi, a volte possono bastare solo quattro canzoni per far capire quanto si stia facendo sul serio. Questo è il caso di Nil Durden e del suo “Heads Or Tails”, un EP di quattro tracce, appunto, completamente autoprodotto. Il lavoro nella sua complessità risulta godibile, piuttosto ben fatto.

In primis le mie orecchie vengono catturate, scosse, e poi rimontate al contrario dalla prima traccia, “Findaway”, un vero e proprio traccione: le chitarre hanno un suono così grasso e saturo che renderebbero ogni riff qualcosa di eccezionale. E qui il riff è eccezionale già di suo, senza contare che la batteria e il basso sono cadenzati a puntino. Come detto sopra, le orecchie vengono " rimontate al contrario": giustamente tutto ciò necessita di una spiegazione. Molto semplicemente vengo deluso dalla seconda traccia “Just to kiss you goodnight” che, senza nulla togliere alla qualità della canzone, è una ballatona che non mi comunica molto. Le tracce successive sono forse le migliori dell'album, soprattutto “Nothing Right Lately”, una canzone vagamente southern che ricorda molto i Lynyrd Skynyrd e gli Incubus, e una descrizione così penso che basti. La quarta ed ultima traccia chiude degnamente il disco: un climax ascendente verso un qualcosa, che si spera sia un disco completo. E visto questo lavoro, si sa già bene cosa aspettarsi, cioè un ottimo lavoro.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.