Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 04 aprile 2020

  • MP News
  • Musica

Recensione : Gnod - Science & Industry

09.02.2010 - Damiano Rizzo



RECENSIONE - La via del basso di Franco Di Donato

Bassista tra i più virtuosi e apprezzati nel panorama italiano ed europeo, pubblica ora un doppio singolo e un...
Leggi l'articolo

SPETTACOLI - La Roma S...Canzonata di Sandro Scapicchio

Venerdì 15 maggio 2015 allo storico Teatro cabaret "Il Puff" di Trastevere lo spettacolo-recital del cantautore...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Enrico Dindo e i Solisti di Pavia

Giovedì 23 aprile, alle 21, presso il Collegio Borromeo di Pavia, una serata all'insegna di Schubert
Leggi l'articolo

Titolo: Science & Industry
Artista: Gnod
Etichetta: Not Not Fun
Anno di uscita: 2010
Genere: Free Psyched-Out Kraut Rock
Voto: 7,5

 

Di diritto tra gli ensemble più scoppiati del circuito freak-psych, gli inglesi Gnod danno alle stampe quello che sembra essere, tra le innumerevoli uscite, uno dei loro migliori episodi. Stampato su musicassetta in 100 esemplari, già andati sold-out, dalla label culto Not Not Fun, "Science & Industry", trasuda psichedelia da tutti i pori. Fluttuante, spaziale, onirico, drogato, tribale e magnetico.
Un macrocosmo musicale composto da sonorità perlopiù retrò e nostalgiche, comunque non scevre di slanci interessanti e soluzioni personali. Qui non è tanto l'originalità a giocare una carta fondamentale, quanto la ricerca di atmosfere davvero in grado di far cadere in trance e far perdere la concezione spazio - temporale; obiettivo che può dirsi pienamente raggiunto.
Una composizione per lato. Circa trenta minuta ciascuna. Fiumi torrenziali di cosmiche scorribande tra kraut, heavy psych, japrock e funk psichedelico.
"Deadbeat In Paper Error Shocker!" si costruisce attorno ad un drone continuo, avvolto ed accompagnato man mano da trombe, vocals con riverbero e delay al massimo, chitarre fluide e synth solenni. A metà canzone il punto nodale: si scatena il motorik beat più puro per 15 minuti. Non una variazione ritmica, con batteria perennemente in 4/4, mentre i synth e le vocals disegnano allucinogene visioni musicali. Stordente. Il Tony Conrad con i Faust di "Outside The Dream Syndacate" assieme ai Psychic Ills e Funkadelic.
La seconda "Big Chief" ha un'impostazione più classicamente rock. I riff si fanno più presenti, bluesy e primitivi. In egual misura Hawkwind, Spacemen 3 e Bardo Pond pulsano all'interno di questo colosso di oltre trenta minuti per un viaggio nell'oltre spazio garantito al 100%.
Cercate e consumate questo album, tenendo attenzione allo store della Not Not Fun per la sua imminente ristampa.
Ne avrete bisogno...

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.