Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 08 agosto 2020

  • MP News
  • Musica

Recensione: Herba Mate - The Jellyfish Is Dead and the Hurricane Is Coming

06.11.2010 - Edoardo Iervolino



Recensione: Ka Mate Ka Ora - Entertainment in Slow Motion

“Vincent” o “Morning Regret” non avrebbero stonato nella colonna sonora di un qualche film di...
Leggi l'articolo

Recensione: The Decemberists - The King Is Dead

Dopo solo un anno e mezzo dall'uscita dell'ambiziosa opera rock “The Hazards of Love”, i decabristi...
Leggi l'articolo

Recensione: Dead Cat in a Bag - Lost Bags

Un disco che non urla la sofferenza come arte infernale di un delirio disperato, ma la sublima nelle paratie di...
Leggi l'articolo

Recensione: Giubbonsky - Storie di Non Lavoro

E’ il suo primo lavoro, il numero Uno della sua speriamo lunga carriera. ed è gia il Numero Uno della mia...
Leggi l'articolo

Titolo:

The Jellyfish Is Dead and the Hurricane Is Coming

Artista:

Herba Mate

Etichetta:

Ideafrousonly

Anno di uscita: 2010
Genere:

Hard Psych, Stoner

Voto: 6

 

 

Un disco da 8 che regredisce ad uno striminzito 6. Chissà: forse se questo “The Jellyfish Is Dead and the Hurricane Is Coming” fosse stato registrato meglio sarebbe uno dei nostri ascolti favoriti. Purtroppo, lo diciamo con sincero rammarico, non è così. Questa band di Castel Bolognese, lo si capisce dalle prime note, ha le idee chiare su dove il loro sound deve portare, su come impostare le timbriche e su come suonare con gradevole varietà un po’ di sano hard psych d’annata in fase di jamming. Il tutto però esce impiastricciato dalla registrazione, calderone carico di suoni mischiati: piatto e senza acuti il suono di questo disco non rende giustizia alla capacità del gruppo ravennate. Seppur capaci di produrre riffoni densi, pastosi, terribilmente hard rock e con una rumoristica di fondo che attinge alla tradizione stoner made in U.S.A. “The Jellyfish Is Dead and the Hurricane Is Coming” non riesce a prenderci. Il perchè l’abbiamo abbondantemente spiegato: cattiva qualità audio e scarsa gestione del missaggio. Andrea Barlotti (chitarra), Alessandro Trerè (basso e voce) ed Ermes Piancastelli (batteria) sanno il fatto loro. Esempio massimo è “Nicotine” pesante incrocio tra i Dzjenghis Khan e gli Earthless, riverberi, fuzzate, compressioni e loop stoner niente male. 

 

Visto che l’ascolto non ci è stato reso semplice da una qualità audio piuttosto infame ma le qualità degli Herba Mate sono indubbie, attendiamo la prova del nove delle esecuzioni live. Lì si, ne siamo certi, potremmo godere appieno del loro sound. 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.