Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


mercoledì 27 maggio 2020

  • MP News
  • Musica

Recensione: James Blunt - Some Kind of Trouble

19.12.2010 - Chiara Colasanti



Recensione: The Cavalera Conspiracy - Blunt Force Trauma

Nessun compromesso, come sempre. E fanculo tutti, come sempre. Anche perché se non lo meriti di andare a quel...
Leggi l'articolo

Live Report: James Blunt @ Palalottomatica

James Blunt è divenuto improvvisamente una star internazionale di grandissimo livello grazie al suo album di...
Leggi l'articolo

Recensione: Biscuits - Biscuits

Entrando nello specifico, troviamo pezzi come "Astronauta e Minatore", un brano che ha decisamente una propria...
Leggi l'articolo

Recensione: Giubbonsky - Storie di Non Lavoro

E’ il suo primo lavoro, il numero Uno della sua speriamo lunga carriera. ed è gia il Numero Uno della mia...
Leggi l'articolo

Titolo: Some Kind of Trouble
Artista: James Blunt
Etichetta: Atlantic
Anno di uscita: 2010
Genere: pop
Voto: 6

 

Un mese fa usciva l'ultimo attesissimo lavoro di James Blunt, uno degli artisti più apprezzati a livello mondiale che riesce sempre a stupire con i suoi testi incredibilmente partecipati e le melodie che riescono a trascinare nella sua dimensione personale. Per chi è abituato ai pezzi “alla James Blunt” (tanto per fare un esempio citiamo “You're Beautiful” e “Goodbye my lover”...e abbiamo detto tutto!) il singolo, parecchio movimentato, “Stay The Night” può spiazzare non poco, ma è lui stesso ad ammettere che questo album per lui è stato una sorta di “giro sulle montagne russe”. Parlando del singolo (in testa alle classifiche italiane e non solo sin da subito) può incuriosire sapere che è stato scritto a “otto mani”, in quanto ha collaborato alla stesura, oltre a Robson e Ryan Tedder dei One Republic's, niente di meno che Bob Marley, che ha ispirato il brano con il suo capolavoro “Is This Love”.
L'album è pervaso da un'aura di ottimismo che poco ci si aspettava, anche se con le dovute eccezioni (basta ascoltare “Best Laid Plans” o “If Time Is All I Have” per rendersi conto che il buon caro,vecchio James Blunt non ha assolutamente lasciato il posto a qualcun altro), ovviamente e i testi parlano di quell'ottimismo tipico dell'atmosfera dei primi anni '80, quando c'era la percezione di poter fare qualsiasi cosa, “quell'ottimismo che sentiamo da ragazzi”, come ha ammesso lui stesso. “Some Kind Of Trouble” dipinge con tratti sicuri e a tinte non troppo scure (anche se con i dovuti giochi di luci ed ombre) questa dimensione in cui noi tutti viviamo, in cui continuiamo a sognare un mondo migliore, in cui riusciamo ancora a sentire la voglia di libertà, l'eccitazione e la semplicità che caratterizzano le piccole grandi cose di tutti i giorni. La canzone che spiazza maggiormente e che non ci si sarebbe aspettati facilmente? “Turn Me On”, senza ombra di dubbio: una sorta di dichiarazione di intenti che inizia con “Io sono un ragazzo. Lei è una ragazza.” e possiamo ben immaginare come continui. La canzone che conquista i più affezionati all'immagine di Blunt come il cantautore romantico e autore della colonna sonora di momenti pieni di sentimento è sicuramente “Heart Of Gold”, in cui c'è la descrizione di una ragazza come tante alla ricerca di quell'amore “che però sembra arrivare con così tanto dolore”. La pietra miliare dell'album per il suo autore è sicuramente “No Tears”, come lui stesso ha ammesso,dicendo che parla “delle somme che si tirano nella vita” e non è sentimentale per nulla. Che altro aggiungere? Procuratevi le sue canzoni, lasciatevi trasportare nella sua dimensione di speranza e... se continua a sperare e a credere in un futuro migliore chi ha visto anche il peggio dell'umanità nei suoi momenti più bui... ce la possiamo fare tutti, magari con una bella colonna sonora di sottofondo... perché ovviamente tutti quanti abbiamo passato “qualche tipo di guaio”.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.