Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 11 agosto 2020

  • MP News
  • Musica

Recensione: Mogwai - Hardore Will Never Die but You Wil

06.03.2011 - Matteo Chiocchi



Recensione: Pianos Become The Teeth - Old Pride

I Pianos Become The Teeth lo danno da intendere, prima con la loro indocile caratteristica del convivere col caos, poi...
Leggi l'articolo

Recensione: Fine99 - Fino alla Fine

Con un nome ed un titolo che paiono mutuati da profezie Maya che gironzolano da tempo qua e la, i nostri,...
Leggi l'articolo

Recensione: Dubby Dub - Rock 'n Roll Head

La purga distorta che la band inocula è l’effetto sorpresa e il gettare le basi per un terremoto...
Leggi l'articolo

Recensione: The Cavalera Conspiracy - Blunt Force Trauma

Nessun compromesso, come sempre. E fanculo tutti, come sempre. Anche perché se non lo meriti di andare a quel...
Leggi l'articolo

Titolo: Hardcore Will Never Die  but You Will
Artista: Mogwai
Etichetta: Rock Action
Anno di uscita: 2011
Genere: Indie rock, post rock
Voto: 6,5

 

Un “rumore bianco” rarefatto soffuso, apre quasi sottovoce, lentamente, anche con un po’ di lieve ed immotivato imbarazzo la nuova release dell’apprezzata band di Glasgow. Pochi attimi di rugiada mattutina e le intenzioni dei nostri cinque musicisti scozzesi sono già chiare e limpide; fare ciò che han sempre fatto, alla loro maniera e con il loro inconfondibile e raffinato stile. Uno stile divenuto talmente personale e particolare che ora dopo otto full lenghts un live e svariati altri ep inizia poco alla volta a ricercare la via futura per se stesso e per la matrice identitaria sonora del gruppo. Che la si cerchi dentro gli occhi di un falco che si appresta ad ululare o nei meandri labirintici di una metropoli del terzo millennio poco importa, la nuova identità degli scozzesi non è più quella che traspariva dai vagiti iniziali di “Come on Die young” e di “Rock Action”. Essa è un divenire in divenire e spazia nelle influenze, ricercando se stessa nelle composizioni moderne dell’indy rock, dell’alternative, strizzando l’occhio perché no, anche a qualche vecchio spunto classico e datato riproposto ultimamente anche da qualche dinosauro per l’occasione riesumato dalla naftalina dei musei. Dire quindi come sono “Hardcore Will Never Die But You Will” e le dieci tracce che lo compongono non è proprio impresa semplice, poiché se alcuni vi troveranno sempre i soliti trasognati Mogwai, rischiando d’iniziare a considerarli ripetitivi autoreferenziali e tremendamente soporiferi, altri vedranno in questa nuova fatica dei compaesani di Highlander un piccolo bivio sonoro dal futuro incerto e dall’identità sfocata, singhiozzante, che può far loro sperare per il bene, il meglio, il male o il peggio.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.