Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 21 settembre 2020

  • MP News
  • Musica

RECENSIONE: Senza frontiere - Non c'è futuro senza memoria

03.02.2012 - Valerio Torreggiani



Recensione: Tre Allegri Ragazzi Morti - Primitivi del futuro

Amore e morte si alternano nella traccia di apertura, “La ballata delle ossa”. E' una canzone che non si...
Leggi l'articolo

RECENSIONE - La via del basso di Franco Di Donato

Bassista tra i più virtuosi e apprezzati nel panorama italiano ed europeo, pubblica ora un doppio singolo e un...
Leggi l'articolo

SPETTACOLI - La Roma S...Canzonata di Sandro Scapicchio

Venerdì 15 maggio 2015 allo storico Teatro cabaret "Il Puff" di Trastevere lo spettacolo-recital del cantautore...
Leggi l'articolo

 

Il primo esordio sulla lunga distanza dei milanesi Senza Frontiere conferma le impressioni che sul trio si erano avute nel recente passato: siamo di fronte ad un altro, l’ennesimo, clone un po’ sbiadito di quel punk-rock-ska tra musica e politica – onestamente più politica che musica – proprio di gruppi quali Banda Bassotti e simili, che mettono in secondo piano la resa artistica e musicale per concentrarsi invece sulla mobilitazione delle coscienze degli ascoltatori.

In questo Non c’è futuro senza memoria l’incarnazione musicale della protesta proletaria si scaglia contro la macchina capitalista armata di muri di chitarre punk-oi che si affiancano a più rari momenti in levare. I testi mettono in mostra un approccio antagonista, decisamente arrabbiato nel tono e nell’atteggiamento, una sfida costante contro il padrone, contro il fascista, contro chi dimentica; una protesta a favore di chi lavora e contro le morti bianche. Tutti obiettivi assolutamente dignitosi, s’intende, per chi desidera fare della musica un canale di propaganda politica. Da rivedere forse c’è però lo stile del canto, così aggressivo e caotico da risultare a volte poco comprensibile: per chi desidera fare una musica che sia principalmente un messaggio politico-sociale questo è un passo falso veramente imperdonabile, che rischia di minare dalle fondamenta gli intenti della band.

Si percepisce in conclusione una tendenza liceale alla rabbia sociale espressa con i mezzi che si hanno a disposizione, tentando l’imitazione di chi queste cose le ha fatte una generazione fa: nulla di nuovo, quindi, sotto il cielo della musica antagonista. Ritengo sia un po’ tutto da rivedere, altrimenti il trio milanese rischia di diventare uno di quei tanti gruppetti da centro sociale, buoni per scaldare le serate tra una riunione di collettivo e l’altra.

 

Voto: 5

 

Tracklist

 

  1. Intro
  2. Lotta di Classe
  3. Non c’è Futuro Senza Memoria
  4. Skinhead
  5. Liberi Tutti
  6. Venduto
  7. Oggi Come Ieri
  8. Bolzaneto
  9. Le Vostre Star
  10.  Ci facciamo i Km
  11.  Senza Frontiere

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.