Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 25 gennaio 2020

  • MP News
  • Musica

RECENSIONE: Afterhours "Padania"

19.04.2012 - Matteo Chiocchi



Recensione: Luminal - Io Non Credo

Forma e sostanza. Bellezza di intenti e di forme, di contenuti e di espressione. Un bel disco è,...
Leggi l'articolo

Recensione: Frankie & the Heartstrings - Hunger

Colpo d’occhio sulla copertina che ricorda il giovanissimo ceffo sottoproletario del film The Commitments e colpo...
Leggi l'articolo

Recensione: Violaspinto - Indivenire

E’ un profondo sospiro dalle intenzioni intimiste e “glaciali”. Il concentrato energico e teso che...
Leggi l'articolo

Recensione: Shally Johnson Broke my Heart - Brighter

Shelly Johnson Broke My Heart, nutrito inde-rock shoegazer declinato al 2011!
Leggi l'articolo

 

La scimmia che gli Afterhours ci han fatto salire sulle spalle da mesi ormai è qua che gioca con i miei capelli mentre ascolto per l’ennesima volta la loro ultima release “Padania”. Salta ed giosce, pesa e costruttivamente annuisce con un ‘si’ battendo con il piede (come faceva Paolo Bonolis sul palco dell’Ariston a Sanremo) o con un ‘no’ del capo (come facevo invece io da casa…) mentre valuto il duro lavoro di una delle band rock più importanti e blasonate del panorama musicale del nostro paese. E’ qui perché anche se non invitata ufficialmente,me l’hanno fatta salire a furia di dire e scivere che questa “Padania” era da ascoltare molte volte, da “valutare bene” prima di procedere ad una impietosa recensione. Questo han ribadito molti addetti ai lavori, questo han scritto molte riviste del settore, sottolineando la loro linea di valutazione come se coloro che avessero minimamente dissentito si sarebbero trovati assolutamente in errore. C’è della malafede? Questo non possiamo saperlo ne dirlo ma di sicuro dopo aver fatto scendere il primate ed averlo invitato a giocare col vinile di “Andy Warhol” dei Velvet Underground, possiamo trarre delle impavide e controcorrenti conclusioni. L’ultima lavoro agnelliano è un disco cupo e freddo, politico e dissonante che ben si presenta sin dalla copertina. Vicino alle composizioni sghembe e stridenti del precedente “I Milanesi Ammazzano il Sabato”, e completamente lontano dai fasti del grande trittico discografico degli esordi, “Padania”, tralasciando la furia rock statunitense contemporanea che i più pensavano che Agnelli e co avessero incrociato nelle assolate highways americane, gode di alcune grandi highlights e di qualche momento davvero sottotono, catalogandosi come un disco che dopo i tanti fatidici ascolti, i più valuteranno secondo i propri periodici stati d’animo. La titletrack, “La Tempesta è in Arrivo”, “Terra di Nessuno”, l’intensa opener “Metamorfosi” sono dei gran bei pezzi di musica rock d’autore italiana contemporanea, e rappresentano al meglio la concezione che ora gli Afterhours hanno della loro produzione musicale, veicolo emozionale di sensazioni, dubbi, gioie, rimpianti e maledizioni personali. Le altre songs, alternando momenti quasi low-fi a insensate elucubrazioni mentali nelle nostre zone mentali errone si percepiscono in qualche caso quasi forzate e poco naturali rispetto a ciò che il gruppo milanese ci ha abituato a sentire. Linee vocali talvolta troppo incalzanti, suoni causticamente dissonanti al limite dell’hardcore, jingle pubblicitari ironia riempitiva e una verve compositiva in qualche caso poco ispirata fanno quasi assomigliare alcune pezzi ad altri rendendoli difficili al riascolto e tralasciabili nell’economia del disco . Un Giano bifronte dunque, nel quale molti riusciranno a specchiarsi e a compiacersi, ed in cui altri troveranno unicamente il ritratto pugnalato da Dorian Gray.

 

Voto: 6,5

 

Tracklist

 

1. Metamorfosi
2. Terra di nessuno
3. La tempesta è in arrivo
4. Costruire per distruggere
5. Fosforo e blu
6. Padania
7. Ci sarà una bella luce
8. Messaggio promozionale n.1
9. Spreca una vita
10. Nostro anche se ci fa male
11. Giù nei tuoi occhi
12. Messaggio promozionale n.2
13. Io so chi sono
14. Iceberg
15. La terra promessa si scioglie di colpo
16. Padania

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.