Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


mercoledì 23 settembre 2020

  • MP News
  • Musica

RECENSIONE: Toti Poeta "L'ora di socialità"

07.05.2012 - Matteo Chiocchi



RECENSIONE - La via del basso di Franco Di Donato

Bassista tra i più virtuosi e apprezzati nel panorama italiano ed europeo, pubblica ora un doppio singolo e un...
Leggi l'articolo

SPETTACOLI - La Roma S...Canzonata di Sandro Scapicchio

Venerdì 15 maggio 2015 allo storico Teatro cabaret "Il Puff" di Trastevere lo spettacolo-recital del cantautore...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Enrico Dindo e i Solisti di Pavia

Giovedì 23 aprile, alle 21, presso il Collegio Borromeo di Pavia, una serata all'insegna di Schubert
Leggi l'articolo

 

Come Dolly, la pecora archetipo della clonazione cellulare, i cantautori italiani ormai vengono replicati uno dopo l’altro. Un esercito, una armata, formatasi musicalmente sui propri illustri e stantii predecessori degli anni ’70 e ’80, racconta ancora in parole e suoni, storie ed avventure, passioni e politica, irresponsabilità e figure retoriche del nostro paese. La domanda è se ne abbiamo veramente bisogno; o se questo è ciò che davvero serve alla musica italiana. La risposta di fatto non c’è e sicuramente ciascuno di noi avrà la propria versione sulla clonazione artistica e su questa replicazione modale che nel male e nel bene caratterizza l’underground musicale del nostro paese.

Toti Poeta cavalca l’onda e ricanta se stesso e gli altri, affrescando e raccontando anche lui la sua personale versione delle cose, volgendo la propria attenzione a tematiche sociali , vendendoci un po’ di fumo e sorridendo quanto basta per rendersi simpatico, più per l’ostinazione che per tutto il resto. Ben prodotto ben suonato e con testi piacevoli. Sono solo canzonette da noi rimane un merito, ma ciò non vuol dire che necessariamente valgano davvero così tanto come ci voglion far credere.

TraTiromancinoMaxGazzèDanieleSilvestriNiccolòFabiDenteMannarinoXLdiRepubblicaNoBrainoPierCorteseRobertoAngeliniDeAndrèGucciniIlmioamicoMarcoquandosuonaaifalòlasuachitarra un altro disco di musica folk italiana alla conquista dello spazio siderale, ben prodotto e con Roy Paci come ospite a fare da cammeo. “Ho visto cose che voi umani non potete neanche immaginare…” diceva il replicante Rutger Hauer sotto la pioggia scrosciante nell’epilogo di Blade Runner, ma in questo caso nella replica in serie c’è davvero poco da immaginare.

 

Voto: 5

 

 

Tracklist:

 

L’arresa

La comprensione |

Riparto da noi |

Al di sopra di me 

I nostri silenzi 

La bellezza è nei miei occhi 

Faccio di tutto 

Quel che rimane 

Non succederà 

L’ora di socialità

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.