collabora redazione chi siamo


mercoledì 26 giugno 2019

  • MP News
  • Musica

RECENSIONE - GattaMolesta - "Vecchio Mondo"

02.07.2012 - Giorgio Avitabile



RECENSIONE - La via del basso di Franco Di Donato

Bassista tra i più virtuosi e apprezzati nel panorama italiano ed europeo, pubblica ora un doppio singolo e un...
Leggi l'articolo

SPETTACOLI - La Roma S...Canzonata di Sandro Scapicchio

Venerdì 15 maggio 2015 allo storico Teatro cabaret "Il Puff" di Trastevere lo spettacolo-recital del cantautore...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Enrico Dindo e i Solisti di Pavia

Giovedì 23 aprile, alle 21, presso il Collegio Borromeo di Pavia, una serata all'insegna di Schubert
Leggi l'articolo

 

Gattamolesta - Urban Punk Folk

 

Impastano, scuotono, rovesciano ed infine vibrano. I Gattamolesta tornano nel 2012 con un album, “Vecchio Mondo”

prodotto ed edito dalla torinese Felmay, ed è un album che già dal primo brano sottintende un gran fervore, un gran

lavoro dietro le quinte che attinge da enorme calderone di sonorità. Il tutto legato dal filo sottile di una incontenibile

amarezza, dei continui (e sacrosanti) fendenti scagliati a tempo dei ritmi più disparati . Per l’arrembaggio contattano

diversi mondi sonori evocando in tutti i modi un atmosfera riot : fremiti gipsy, tarantelle e echi balcanici festeggiano

in quest’album scuotendo a più non posso ogni torpore. In questo burrascoso mare di suoni navigano a gonfie vele i

testi di Andrea Gatta e sciolte le metafore si dipanano idee, sentimenti e posizioni, non più tanto ideologiche quanto

estremamente pratiche ed attuali. Scavano e dissotterrano questioni che trascinano verso una visione tanto rabbiosa

quanto umana delle cose, delle contraddizioni del nostro tempo e degli esperimenti politici in gioco.

 

E’ un Cinghiale Matto che hanno in testa quando i Gattamolesta scrivono, arrangiano e compongono. Magari quel

cinghiale che rappresenta la forza creatrice e quella caotica energia distruttiva che produce scossoni e che pare

sia rimasta imbrigliata nei giochi di potere della nostra era sociale. E che violentemente scalcia per rimuovere

quell’abitudine di congelare ogni creativa alzata di testa. “ed è così che non ti permettono di creare una composizione

dettata dall'umore/che non si parli mai dei guai del dolce Belpaese, ne del tuo cuore che ne paga le spese”.

 

Se invece ipotizzassimo di concedere a ben Otto Orangutan, di cui uno particolarmente noto per la sua bassa statura,

il privilegio e l’onore di gestire gli affari di stato ci ritroveremmo in una sala illuminata in cui Moira Orfei autografa

copie de La Fattoria degli Animali di Orwell. E la folla ne rimarrebbe alquanto spaventata di questo pubblico gioco

circense fino a che qualcuno non si dimostri essere un antidoto naturale allo scompiglio plurimo premeditato. Uno

spaccato bandistico accompagna l’ingresso dell’ironico ed istrionico protagonista… “ed eccolo arrivar ed eccolo saltar

e hop hop hop hop hop hop hop/ed eccolo ballare sulle teste dei tiranni e consegnarli tutti all'aldilà”.

 

E cosa può fare l’uomo moderno, l’Uomo travolto, che non ha ne mentito ne recitato come coloro che han usato,

rovinato, reso svilito/il lavoro dei padri, la grazia della madri? Può affrancarsi, prendere le distanze da tutte le

malaugurate versioni dell’uomo moderno e concedersi il brivido della fantasia, quella fantasia che asciuga le lacrime

e che regala sorrisi. Ma l’uomo moderno non si concede nemmeno il diritto di arrendersi e rassegnarsi perché non si

può vivere per bastare.

 

Nell’attimo più Gogol dell’album (il Bordello è sempre presente) i Gattamolesta se la ballano frenetici e irriverenti,

sinceramente fieri di puntare i piedi e scatenare un vero Far West acustico, pronti a rovesciare tutto ciò che di

maldestramente poco umano c’è nel Vecchio Mondo: “mi da lo schifo questa viltà, mi da lo schifo la fattanza/

dell'odierna virtualità e le forme di formalità/i rampolli di federazione e l'immondizia dell'istituzione/il telegiornale e la

pubblicità, il malocchio e l'oppio dell'umanità”

 

Una rivoltellata vecchio stile pronta a svecchiare il mondo intero, i Gattamolesta cuciono abilmente album dopo

album un nuovo, candido, abito per l’uomo nuovo.

 

Voto: 7,5

 

Tracklist:

 

Cinghiale Matto

Il Figlio del Pueblo

L’uomo travolto

Otto Orangutan

Vecchio Mondo

Meno Candido

 

Moro

El Juego

L’ordre sans le pouvoir

Il fantasma di Portopalo

Povero Diavolo

Fragili e Maledetti

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.