Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


domenica 29 marzo 2020

  • MP News
  • Musica

CALCIO - La Lazio cade rovinosamente sotto i colpi del Catania

Reja battuto, come da tradizione, al Massimino. La sua squadra incassa tre gol con gli stessi uomini di due anni e mezzo fa

16.02.2014 - Simone Di Tommaso



RECENSIONE - La via del basso di Franco Di Donato

Bassista tra i più virtuosi e apprezzati nel panorama italiano ed europeo, pubblica ora un doppio singolo e un...
Leggi l'articolo

SPETTACOLI - La Roma S...Canzonata di Sandro Scapicchio

Venerdì 15 maggio 2015 allo storico Teatro cabaret "Il Puff" di Trastevere lo spettacolo-recital del cantautore...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Enrico Dindo e i Solisti di Pavia

Giovedì 23 aprile, alle 21, presso il Collegio Borromeo di Pavia, una serata all'insegna di Schubert
Leggi l'articolo

Mauri a catania

DI MALE IN PEGGIO - Ci sono partite che nascono male e che magari per qualche motivo poi e in maniera rocambolesca finiscono bene. Ce ne sono altre che nascono male e finiscono pure peggio. La partita delle 12:30 al Massimino di Catania appartiene al secondo gruppo. La Lazio esce meritamente sconfitta per 3-1. Prendere un gol dopo appena un minuto di gioco è roba da dilettanti. Prenderne subito un altro alla subito dopo l'intervallo, è diabolico. Altre considerazioni sono superflue.

IMBATTIBILITÀ PERDUTA - L'imbattibilità di Reja subisce un brusco stop. È il primo dall'avvicendamento in panchina con Petkovic. Proprio questo è balzato agli occhi dopo aver assistito a una partita inguardabile da parte dei biancocelesti. Sembrava la Lazio smarrita vista negli ultimi mesi sotto la guida del tecnico di Sarajevo, incapace di rialzarsi e di raddrizzare gli esiti dell'incontro. Onore al Catania che inizia a tirarsi fuori dalle sabbie mobili del fondo classifica con un mirabile colpo di reni. Ha sfoderato una prestazione convincente e generosa, a tratti arrembante. Confermando il tabu della trasferta al Massimino: la Lazio in 60 anni è riuscita a vincere solo due volte in casa della squadra siciliana, che si conferma sempre più come autentica bestia nera per i colori biancocelesti.

FORMAZIONI - Reduce dal pareggio a reti inviolate nel derby, Reja decide di metter in campo la squadra schierando un 4-2-3-1, preferendo Mauri trequartista dietro a Klose, con Keita in panchina a far compagnia a tutti gli acquisti del mercato invernale. Davanti a Berisha, confermato ancora una volta al posto di Marchetti a forte rischio pubalgia, la linea a quattro di difesa con Biava-Dias (70 anni in due), Konko e Radu sulle fasce. Ledesma e Biglia davanti alla difesa. I tre di centrocampo sono Candreva, Mauri e Lulic. L'unica punta Klose.
Maran risponde con 4-3-3 decisamente aggressivo e offensivo. Dietro trova spazio la promessa Peruzzi. Izco, Lodi e Rinaudo sono i tre di centrocampo. Il tridente offensivo Castro, Bergessio e Barrientos.

IL MATCH - Non passa neanche un minuto dal fischio iniziale di Mazzoleni che il Catania si trova già in vantaggio. Alla prima azione offensiva, Izco sorprende con l'esterno destro un incolpevole Berisha e porta la gara già sull'1-0. Dormita del centrocampo biancoceleste. La Lazio è completamente annichilita. Dopo 6 minuti i catanesi sono vicini al raddoppio con Barrientos. In questa occasione il portiere albanese si fa trovare preparato e respinge il tiro con un ottimo intervento. Al 24' l'arbitro annulla una rete al Catania: Keko è in fuorigioco sulla respinta centrale di Berisha. Un minuto dopo l'estremo difensore biancoceleste conferma le sue doti togliendo dall'incrocio dei pali un pallone magistralmente calciato da Lodi. La prima occasione per la Lazio arriva al 29' con un tiro di Candreva su punizione. Dopo un'intera frazione di gioco tesa a respingere le avanzate catanesi, la Lazio trova il gol del pareggio con Mauri al primo minuto di recupero. Il capitano biancoceleste beffa di testa, su cross di Konko, un colpevole Andujar.
Le squadre vanno al riposo sull'1-1.
Il secondo tempo inizia nello stesso modo del primo. Il Catania riconquista il vantaggio con un gol fulmineo di Spolli che si libera della marcatura di Dias e ribatte di testa in rete su corner. Dieci minuti dopo la partita è letteralmente terminata. Al 58' Peruzzi triangola con Keko e trafigge, senza problemi, Berisha. È il definitivo 3-1. La Lazio non riesce più a invertire le sorti della partita, sembra quasi accettare la sconfitta e non trova le forze di combattere. Reja, che già aveva sostituito Biglia con Gonzalez all'inizio della ripresa, mette in campo Keita per Biava e Perea per uno stanco Mauri. Si passa alla difesa a tre, ma è tutto inutile: mosse tardive e disperate. La partita è definitivamente compromessa. Gli ultimi minuti scorrono lenti come non mai. Al triplice fischio finale la Lazio coglie la prima sconfitta dell'era Reja.

COLPA DEL MANICO? - La molle prestazione biancoceleste deve far porre più di qualche interrogativo in Società. O magari il presidente Lotito anche in questo caso dirà: "è colpa del manico"?

 

IL TABELLINO
Catania-Lazio 3-1

Marcatori: 1' Izco (C), 46' Mauri (L), 48' Spolli (C), 58' Peruzzi (C)

Catania (4-3-3): Andujar; Peruzzi, Spolli, Bellusci, Alvarez; Izco, Lodi (82' Plasil), Rinaudo; Castro (78' Rolin), Bergessio, Barrientos (16' Keko).

In panchina: Ficara, Legrottaglie, Monzon, Capuano, Gyomber, Biraghi, Fedato, Boateng, Keko, Petkovic. All. Maran

Lazio (4-2-3-1): Berisha; Konko, Biava (71' Keita), Dias, Radu; Ledesma, Biglia (46' Gonzalez); Candreva, Mauri (71' Perea), Lulic; Klose.

In panchina: Marchetti, Strakosha, Ciani, Cana, Cavanda, Novaretti, Onazi, Felipe Anderson, Kakuta. All. Reja

Arbitro: Paolo Silvio Mazzoleni (sez. Bergamo);

Assistenti: De Luca, Petrella;

IV Uomo: Di Liberatore

ADD1: Russo
ADD2: Pinzani

Ammoniti: Lulic (L), Biglia (L), Keko (C), Konko (L), Radu (L), Bergessio (C)
Recupero: 2' pt, 3' st

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.