Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 24 febbraio 2020

  • MP News
  • Attualità

Aeroporti, via libera ai body scanner

Uso in via sperimentale in tre aeroporti italiani, mentre i ministri UE hanno rinviato la decisione ad un rapporto della Commissione europea

22.01.2010 - Luca Paccusse



Piazza della Loggia: ieri 5 imputati, oggi nessun colpevole

Dopo 36 anni e circa 166 udienze, la Corte d'assise ha deliberato l'innocenza degli imputati; motivo: insufficienza di...
Leggi l'articolo

INCONTRI METROPOLITANI #8

Storie, confidenze, personaggi in Città
Leggi l'articolo

VATICANO - Il Papa consegna la Bolla di indizione del Giubileo

La misericordia al centro dell'Anno Santo indetto da Papa Francesco
Leggi l'articolo

 

Arrivano i primi body scanner da adottare in via sperimentale negli aeroporti italiani. Ad annunciarlo è stato il ministro dell'Interno Roberto Maroni a margine del vertice Usa-Ue sulla Sicurezza svoltosi a Toledo. I nuovi apparecchi (15 per il momento) verranno introdotti negli scali di Roma -Fiumicino, Milano - Malpensa e Venezia - Marco Polo, dai quali partono la maggior parte dei voli italiani per gli Stati Uniti.

Il costo delle apparecchiature (di due tipologie, a onde millimetriche e a tecnologia di "tipo passivo", a raggi infrarossi) dovrebbe aggirarsi  intorno ai 150mila euro ciascuno e l'urgenza di prendere provvedimenti contro la minaccia terroristica non fa che alzarne le quotazioni, cosa che non dispiace certamente a General electrics e L3 Communication, due tra le aziendi fornitrici del prodotto.

La sperimentazione dei body scanner partirà da metà febbraio in Italia mentre a livello europeo un'intesa sull'utilizzo di questa tecnologia non si è trovata al vertice di Toledo. I ministri dei paesi membri dell'Unione europea hanno quindi rinviato la decisione sul loro utilizzo ad un rapporto affidato alla Commissione europea. Un testo che dovrà dare un parere su efficacia, eventuali rischi per la salute e compatibilità di questi dispositivi con la privacy dei passeggeri.

Nonostante le pressioni americane dopo il fallito attentato del nigeriano legato ad Al Qaida al volo di Natale per Detroit, l'Europa ha mostrato prudenza riguardo all'introduzione dei body scanner. Nel vertice di Toledo è emersa però la possibilità di introdurre agenti di sicurezza a bordo degli aerei, gli "sky marshall", come avviene negli Usa. Scetticismo, ecco cosa è emerso dal vertice di ieri. Da parte del governo tedesco e  spagnolo in primis. E proprio il presidente spagnolo dei ministri Ue Alfredo Rubalcaba ha auspicato che si aspettino le conclusioni dello studio della Commissione prima di decidere una posizione europea comune che arriverà non prima di aprile. Secondo Rubalcaba la decisione dovrà coinvolgere anche i ministri dei trasporti e della giustizia e l'Europarlamento, che nel 2008 già si è pronunciato contro questi dispositivi, ritenuti a rischio per privacy e salute. Mentre il Belgio si è dichiarato contrario ai body scanner, sulla linea degli Usa si trovano Olanda e Gran Bretagna che hanno già deciso di introdurli. In via sperimentale lo faranno anche Italia e Francia. Sembrano invece essere tutti d'accordo sul proseguire nell'utilizzo di un Pnr (Passenger Name Record) europeo, una banca dati che consente alle compagnie aeree di scambiarsi dati sui passeggeri, come avviene già dal 2007 per i voli tra Ue e Usa.

Intanto negli Stati Uniti impazzano i falsi allarmi dopo il fallito attentato del volo Amsterdam-Detroit. Dopo  il giovane che aveva mandato in tilt l'aeroporto di Newark dopo aver scavalcato le transenne per dare un ultimo bacio alla fidanzata in partenza, nelle ultime settimane hanno destato sospetti un caciocavallo trasportato da tre giovani della Basilicata arrivati all'aeroporto di Chicago e un filatterio (oggetto religioso ebraico) che ha provocato un atterraggio d'emergenza a Filadelfia di un volo da New York a Louisville. Entrambi scambiati per ordigni, entrambi simboli di un rinnovato clima di terrore da post-11 settembre.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.