Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 04 aprile 2020

  • MP News
  • Attualità

Premio Pulitzer: il sito web Propublica scavalca la carta stampata

Per la prima volta nella storia la più grande onorificenza per il giornalismo viene vinta da un sito web

13.04.2010 - Pietro Marsicola



PRIMO PIANO - Pulitzer: 2 premi all’on-line, Huffington Post e Politico.com

Un premio che riflette l’evoluzione del giornalismo e che in qualche modo la sollecita  
Leggi l'articolo

Drogati di Facebook, al Gemelli di Roma un servizio per curare la dipendenza telematica

Apre i battenti  il primo ambulatorio per disintossicare gli ossessionati da internet  
Leggi l'articolo

Gli Italiani tutt’altro che dipendenti da internet, ma non per merito loro

Siamo agli ultimi posti europei per la diffusione delle reti informatiche, dopo anni che i vari esecutivi, sia di...
Leggi l'articolo

Editoria e web per continuare a mantenere l’economia dei giornali: Italia vs USA

Fare paralleli tra la nostra Italia e un altro paese, magari gli Stati Uniti d’America, è da sempre gioco...
Leggi l'articolo

 

Cosa nota era che la "carta stampata" fosse irrimediabilmente in crisi, ma che addirittura il più prestigioso premio rivolto alla categoria giornalistica, fosse insignito per la prima volta nella sua gloriosa storia ad un sito web, risulta essere un vero e proprio smacco per il giornalismo "formato cartaceo".

Ma facciamo prima un po' di chiarezza: il Premio Pulitzer è un premio statunitense, considerato come la più prestigiosa onorificenza nazionale per il giornalismo, successi letterari e composizioni musicali. Viene amministrato dalla Columbia University di New York. I premi vanno assegnati annualmente (tradizionalmente nel mese di aprile) a coloro che si sono distinti particolarmente in una delle 21 categorie considerate. L'ambìto riconoscimento, infatti, premia non solo il lavoro di giornalisti e fotoreporter distintisi in vari settori dell'informazione e nella documentazione audiovisiva dei principali avvenimenti dell'anno, ma anche autori di testi di narrativa e non, storici, drammaturghi e compositori. In venti di queste categorie ogni vincitore riceve un certificato e una ricompensa di 10.000 dollari. Il vincitore nella categoria di pubblico servizio nel giornalismo riceve una medaglia d'oro, che va sempre al giornale, anche se il giornalista può essere nominato nella citazione. Assegnato per la prima volta nel 1917, venne istituito dal giornalista Ungherese-Americano e magnate della stampa statunitense Joseph Pulitzer (1847-1911) che, alla sua morte, lasciò i soldi alla Columbia University.

Terminato questo breve excursus, va aggiunto che è solo dallo scorso 2009 che si è aperto all'editoria online, ma lo scorso anno nessuna testata web era stata insignita di tale onorificenza. Invece quest'anno ecco che un gruppo di reporter riunitosi solo tre anni fa e coordinati da un "certo Paul Steiger" (una vita al timone del Wall Street Journal con ben 16 Pulitzer alle spalle) che sulla scia  del grande giornalismo investigativo alla Carl Bernstein e Bob Woodward, ha vinto un riconoscimento per una inchiesta sugli ospedali dopo il passaggio del'uragano Katrina.

Missione, decisamente riuscita, dei reporter di Propublica era di mettere i loro scoop gratis al servizio dei giornali, e nel caso specifico, il servizio su Katrina fu pubblicato dal Magazine del New York Times dando loro il massimo in fatto di risonanza mediatica. Così per la prima volta un sito online supera la carta stampata nella categoria, forse la più ambita tra le 21 premiate, ossia quella dell'Investigative Reporting (reportage investigativi).

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.