Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 22 settembre 2020

  • MP News
  • Attualità

L'occupazione a Roma: tra luci e ombre

Presentata in Campidoglio l'inchiesta sul Mercato del Lavoro nella capitale nel biennio 2008-2010

26.05.2010 - Gaetano Massimo Macrì



INCONTRI METROPOLITANI #8

Storie, confidenze, personaggi in Città
Leggi l'articolo

VATICANO - Il Papa consegna la Bolla di indizione del Giubileo

La misericordia al centro dell'Anno Santo indetto da Papa Francesco
Leggi l'articolo

MODA - Speciale AltaRoma 2015

Dal 30 gennaio al 2 febbraio 2015 la nuova edizione di AltaRoma AltaModa
Leggi l'articolo

 

Roma, città atipica, grande agglomerato metropolitano composito, pieno di contraddizioni e differenziazioni. Una amministrazione scollegata, innestata in un tessuto sfaccettato e ricco.

Nella suggestiva Sala Pietro Da Cortona in Campidoglio, è stata presentata la IV inchiesta  sul Mercato del Lavoro a Roma, intitolata: ''Mutamenti del lavoro a Roma tra crisi e riforme. 2008 - 2010: un biennio difficile''. Lo studio, affidato all' Università La Sapienza, Facoltà di Sociologia, è stato coordinato dal Prof. Paolo De Nardis, che ne ha curato la direzione scientifica, guidando il Gruppo di ricerca costituito dalla Prof.ssa Roberta Iannone e dal Dott. Romano Benini.

I lavori sono stati affidati all'equipe di studiosi dall' Osservatorio comunale sul Mercato e le Condizioni del Lavoro, diretto dalla Dott.ssa Alessia Petruzzelli. Piccola fondamentale premessa: il Comune di Roma è la prima amministrazione comunale che, a fronte del crescente fenomeno degli incidenti sul lavoro e lavoro nero, si è dotata di un 'osservatorio', intendendolo come organismo di autocontrollo, un vero e proprio Ufficio Organizzativo del Dipartimento Attività Economico - Produttive, Formazione - Lavoro, nato allo scopo di verificare l'applicazione delle norme nazionali in materia di sicurezza sul lavoro e di contrattazione collettiva e decentrata. Sulla base della sua mission, l'Osservatorio ha richiesto alla Sapienza, come si diceva,  questo studio di settore. L'inchiesta, coordinata da De Nardis, ha certamente offerto un contributo più scientifico rispetto alle precedenti. Tant'è che il suo auspicio, ora, è che lo studio venuto fuori non finisca ''nei cassetti degli assessori'', ma sia una guida utile agli stessi che dovrebbero rintracciare le soluzioni.

L'apertura presentata dallo stesso De Nardis è chiara: la realtà produttiva romana appare come un ''mare ampio'', ma in questo mare oggi si registra un mutamento forte: Roma pure essendo sede ministeriale, capitale di Stato, sfata il luogo comune che la dipinge come città ''burocratica'' (solo il 25% lavora nella P.A.) mostrandosi invece molto più ''levantina'' di quanto non si pensi. È dunque una città atipica. ''La ricerca'' spiega sempre De Nardis, ha evidenziato una ''poliedrica rete organizzativa che coinvolge più nodi nevralgici e più soggetti....Comune, Regione,Provincia, nonché i vari Municipi, Università, Associazioni e Enti di Formazione''. Una realtà poliedrica e ricca in cui il Comune appare come ''Primus inter pares in un dialogo variamente cooperante, ovvero, a seconda dei casi, confliggente''.  L'elemento nuovo, che caratterizza il tessuto produttivo della Capitale, è la polverizzazione dell'economia industriale iniziata nel 2008, a favore di una terziarizzazione. Quello che tuttavia manca è la fluidità nelle dinamiche interistituzionali: assenza di un coordinamento dei servizi di orientamento al lavoro e alla formazione; fragilità dell'asse Provincia - Comune rispetto a quello Provincia - Regione.  Come dire in sostanza che il tessuto produttivo romano esiste, è ricco ma mal sfruttato. Sarebbe auspicabile un nuovo patto tra Regione, Provincia e Comune per pianificare una politica occupazionale in grado di ''coordinare la grande offerta formativa che esiste a Roma, con i fabbisogni formativi e professionali''  Le imprese ricercano lavoratori qualificati. Manca la formazione. Le imprese desistono dal ricercare. Il bienno  preso in considerazione, 2008-2010, ha evidenziato tutto questo. L'utilizzo più intelligente dei Centri di Formazione, Centri di Orientamento al Lavoro e per l'impiego, potrebbero costituire quel flusso continuo di scambio in grado di collegare meglio Provincia e Comune.

Diamo dati più confortanti emersi dalla ricerca: Tasso d'occupazione al 60% (rispetto al 58% del dato medio nazionale) forte prevalenza del Terziario, aumenta la flessibilità, il part time, si affacciano nuove forme di occupazione oltre al pubblico impiego. Tutto sommato una buna tenuta rispetto alla crisi attuale e in assenza di precise riforme.

L'intenzione della ricerca era di fornire, innanzitutto, dati utili, ci tiene a precisare il Dott. Benini. Il suo limite, ovviamente, è che gli stessi possano essere già vecchi oggi mentre se ne discute. Oltretutto, ribadisce Benini, Roma è una ''città atipica'' piuttosto che anomala. Nel biennio considerato, ''ha avuto il più alto livello di incremento di occupazione'' anche se poi, andando a vedere si tratta di lavoro a tempo determinato. Questo dato dimostra una certa fragilità del sistema.  Si è abbassata la base produttiva del lavoro, ma questo dato, invece, è in linea nazionale, è l'effetto della crisi, pertanto non è anomalo.

L'ampia rete del tessuto produttivo romano, dunque, ha chiaro scuri che se da un lato sembrano gettare molte ombre, delineando uno scenario difficile, ha altri aspetti che possono se non proprio far sperare, quanto meno far proiettare tutti verso un cauto, cautissimo ottimismo (De Nardis). Roma, conclude l'assessore alle Attività Produttive e al Lavoro, Davide Bordoni, presenta una situazione poliedrica e ricca ''tanto di difficile ma non di impossibile gestione''.  Questo studio dovrebbe servire ''a noi per tradurre le analisi del dato in soluzione''. Verba volant, scripta manent. E speriamo non nei cassetti dei nostri decisori.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.