Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 29 febbraio 2020

  • MP News
  • Attualità

Corteo No Tav a Roma

In migliaia per le strade popolari della capitale. Occupata tangenziale, chiusa A24.

04.03.2012 - Redazione



PRIMO PIANO – 'Occupy GreenHill' in piazza a Roma. “No al lager per cani”

In 10mila in corteo contro l’allevamento di beagle destinati alla  vivisezione   
Leggi l'articolo

 

Sabato 3 marzo, ore 15. A piazzale Tiburtino, a due passi dalla Stazione Termini di Roma, il corteo No Tav si prepara alla partenza. L'affluenza di manifestanti non sembra significativa e, come spesso accade prima della dell'inizio di una manifestazione, il numero di giornalisti, fotografi e operatori tv sembra superare quello dei partecipanti. 

Basterà qualche decina di minuti per smentire questa impressione. Gli attivisti, insieme ai collettivi della Sapienza e diversi movimenti 'antagonisti' della realtà romana, si fanno strada fra le vie del quartiere San Lorenzo per raggiungere, fra slogan e cori contro l'alta velocità, piazza di Porta Maggiore. 


Foto di Francesco Fotia

Il colpo d'occhio è cambiato: lo spazio aperto del piazzale permette di capire che il numero di partecipanti alla marcia è almeno triplicato. Si intonano cori che incoraggiano Luca Abbà, l'attivista rimasto folgorato e caduto da un traliccio lunedì scorso in Val di Susa, oggi fuori pericolo di vita.

Imboccata via Casilina, il corteo prosegue la sua marcia a suon di tamburi e slogan contro il governo Monti, bloccando poi il traffico di via Prenestina. Nonostante qualche attrito fra manifestanti e fotografi e operatori, la protesta prosegue in un clima di generale tranquillità. Qualche fumogeno colorato e alcune scritte sui muri lasciano il segno del passaggio del corteo, che sembra lievitare per numero di partecipanti. 'Acab' (all cops are bastard), si trasforma, sui muri di via Prenestina, in 'Acap' (all cops are 'pecorella').

Sono circa le 17 e trenta quando il lungo serpentone decide una sosta 'di solidarietà' sotto il palazzo occupato dagli ex lavoratori Newrest Wagon Lits, la società che per decenni ha gestito per conto di Trenitalia i servizi sui treninotte, e che ha recentemente licenziato 800 lavoratori.

Poi, il cambio di programma sul percorso: il corteo, che avrebbe dovuto avanzare ancora qualche centinaio di metri, fino a Largo Preneste, fa invece inversione di marcia e imbocca la tangenziale Est. Gli attivisti avanzano con passo veloce, facendo esplodere qualche petardo, ma sempre a volto scoperto. Il cordone di protesta è diluito sulla carreggiata, a perdita d'occhio. Lo snodo con l'A24 è vicino, ma l'autostrada non sarà occupata. Dopo circa un'ora di blocco della tangenziale, e la chiusura dell'ingresso della Roma-L'Aquila, il serpentone si rimette in marcia verso Piazzale Tiburtino, da dove era partito, per poi sciogliersi intorno alle 20.  


Manifestazione No Tav a Roma
Foto di FRANCESCO FOTIA


BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.