Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


mercoledì 27 maggio 2020

  • MP News
  • Attualità

SOCIETA' - Ludopatia: alcuni esperti chiedono una legge

08.05.2012 - Edoardo Maria Lofoco



Il "decreto salva liste": dialogo con il costituzionalista Massimo Siclari

Il decreto legge "salva liste" è al centro del dibattito politico. MPNews, per capirne di più, ha...
Leggi l'articolo

Le novità e i cambiamenti della "legge bavaglio"

  Il testo del disegno di legge analizzato e spiegato in undici punti  
Leggi l'articolo

 

Secondo la rivista "Il Delfino" il gioco d'azzardo - il superenalotto, le scommesse, le videolottery e i casino' online  - è diventato la terza industria del paese dopo Eni e Fiat. Difatti, il settore giochi ha fatto affluire nelle casse dell'Erario già circa 2,2 miliardi di euro. Per l'Erario i giochi più redditizi sono i videopoker, il Lotto, i gratta e vinci e le lotterie in generale, mentre il poker cash e i vari giochi di casinò sono più generosi nei confronti dei giocatori, in quanto il 92% del giocato è ridistribuito in vincite.

 

Ad ogni modo, la rivista del Centro Italiano di Solidarietà di Don Mario Picchi ha lanciato nel numero di aprile un nuovo allarme contro la ludopatia e la dipendenza dal gioco. Secondo le statistiche, circa il 3% del Pil è bruciato con il gioco d'azzardo. Inoltre, l'Italia si colloca ai primissimi posti per la spesa pro capite: si è passati da 500 euro l'anno del 2004 a oltre mille nel 2011. In molte regioni d'Italia, si legge, le famiglie si giocano anche il 6,5% del proprio reddito e il dato più allarmante è che chi gioca di più sono gli indigenti, gli appartenenti al ceto medio-basso o i disoccupati, che cullano il sogno della vincita che farà cambiare la loro vita.

 

Il fenomeno del gioco d'azzardo è in forte aumento anche tra i giovani tra i 15 e i 24 anni. Si calcola che almeno la metà dei ragazzi in quella fascia di età abbia giocato o giochi ai videopoker o sui siti di slot machine, e che almeno 7 su 10 di quelli sotto ai 18 anni giocano e scommettano non rispettando i divieti. Ne consegue, inoltre, che molti giovani ricorrono al debito per poter giocare. Per tale motivo, Cesare Guerreschi, presidente della Societa' italiana di intervento sulle patologie compulsive-Siipac, durante un convegno sul gioco d'azzardo patologico, ha dichiarato che il gioco sta diventando "una vera e propria piaga sociale" contro cui "serve una legge e regole chiare entro fine anno". E si augura che non si dovrà aspettare tanto quanto si aspettò per quella sull'alcol-dipendenza, per la quale ci vollero 28 anni. 

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.