Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 22 settembre 2020

  • MP News
  • Attualità

L’origine della dissenting opinion

29.04.2012 - Claudia Fiorentini



INCONTRI METROPOLITANI #8

Storie, confidenze, personaggi in Città
Leggi l'articolo

VATICANO - Il Papa consegna la Bolla di indizione del Giubileo

La misericordia al centro dell'Anno Santo indetto da Papa Francesco
Leggi l'articolo

MODA - Speciale AltaRoma 2015

Dal 30 gennaio al 2 febbraio 2015 la nuova edizione di AltaRoma AltaModa
Leggi l'articolo

L’opinione dissenziente è un’opinione scritta da uno o più giudici che esprime disaccordo rispetto all’opinione di maggioranza della Corte.

Il dissenso non crea un precedente vincolante e non diventa parte della case law; nonostante ciò, ha sempre rivestito un ruolo fondamentale nella giurisprudenza costituzionale statunitense, perché dotato di notevole autorità persuasiva nei confronti dell’opinione pubblica, dei giudici delle corti inferiori ed anche della stessa Corte Suprema.

Le opinioni dissenzienti fanno parte della giurisprudenza della Corte Suprema statunitense da più di centosettantacinque anni. Sono state introdotte in un momento successivo rispetto alla nascita della Corte, e costituiscono tuttora motivo di continui dibattiti nel panorama giuridico e politico.

Durante i primi dieci anni del nuovo Stato, i giudici seguirono il metodo del Privy Council della madrepatria inglese nellemanazione delle decisioni, ossia il seriatim, secondo cui ogni singolo membro del collegio aveva facoltà di presentare unopinione individuale, senza previa consultazione con gli altri membri della corte in camera privata. Il dissenso non era necessario nelle corti anglosassoni poiché ogni giudice, nellesposizione della propria opinione, era libero di manifestare apertamente il suo disaccordo; non cera quindi la necessità di chiamare tale opinione undissenso. In questo modo veniva dato maggiore rilievo al pensiero del singolo giudice, piuttosto che al verdetto della Corte. La pratica della dissenting opinion non aveva proliferato nelle corti inglesi anche per unaltra ragione: il diritto anglosassone continuava ad evolversi senza una Costituzione scritta, mentre la Costituzione americana, grazie alla sua natura dinamica, dovuta allinterpretazione ad opera della Corte, ha rappresentato, e continua ancora oggi a rappresentare, la forma più prolifica dei dissensi negli Stati Uniti. Infine, il consenso statunitense verso lopinione dissenziente si rese possibile anche grazie ai valori e ai principi da cui i padri fondatori erano ispirati durante il processo di formazione della nuova nazione, e su cui intendevano creare il nuovo governo.

Aspetto centrale del nuovo Stato era la garanzia di un nucleo fondamentale di diritti individuali a tutti i cittadini e, principale tra questi diritti era certamente la libertà di espressione; è questa l’essenza dello spirito americano, ed è proprio tale aspetto che ha facilitato la diffusione delle opinioni dissenzienti nelle corti americane.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.