Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 24 febbraio 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

Recensione film: Il diario di Jack

12.07.2008 - Alessandro Pangallo



APPUNTAMENTI - Al Teatro di Ostia Antica va in scena Albertazzi

"Le Memorie di Adriano" concluderanno la rassegna estiva
Leggi l'articolo

TEATRO - A Roma il Gran Premio 2.0 - Teatro da condividere

Il 18 giugno 2015 alle ore 21 presso la Sala Teatro GP2 cinque compagnie si contenderanno la palma del miglior corto...
Leggi l'articolo

TEATRO - "LETTERA DI UNA SCONOSCIUTA"

Al Doppio Teatro la storia di un amore alla ricerca della propira identità
Leggi l'articolo

Titolo: Il diario di Jack (Man about town)
Regia: Mike Binder
Cast:

Ben Affleck, Rebecca Romijn, John Cleese

IMDB: 57/100
Voto: 60/100
Talvolta, vedendo un film al cinema, allo spettatore viene da pensare "uhm, questo film sarebbe stato perfetto se lo avessi visto in televisione". In questa categoria ricade anche questo Il Diario di Jack, film uscito Oltreoceano un paio di anni fa ma che viene ospitato solo adesso nelle nostre sale cinematografiche, e che probabilmente avrebbe visto la sua collocazione ideale tra i film della domenica pomeriggio di Canale 5.
Jack Giamoro (Ben Affleck) è un agente dello spettacolo bello, ricco e famoso, sposato con una donna bellissima (Rebecca Romijn, già vista nel ruolo di Mystica in X-Men o di Alexis in Ugly Betty) che però lo tradisce con il suo miglior cliente. Di qui in poi, la vita di Jack andrà sempre peggio, tanto da portarlo a seguire una seduta psicanalitica di gruppo, luogo in cui l'irritante Dr. Primkin lo costringerà a scrivere un diario con tutti i suoi segreti, a mo' di novello Zeno Cosini.
Nonostante i quasi cento minuti di film non facciano mai gridare allo scandalo, il problema maggiore della pellicola è la totale mancanza di valore aggiunto che si avverte fotogramma dopo fotogramma. Tutto quanto ha il sapore del già visto, del già sentito. E' vero che talvolta la solita minestra riscaldata è comunque una portata appetibile (specie per questo genere di prodotti), ma qui l'unica cosa che riesce a far spiccare un pochino questa pellicola da 8278902750987272 film assolutamente uguali è che gli elementi drammatici e comici invertono le loro usuali durate. Per quanto si tratti di una commedia romantica, infatti, in realtà si ride poco (e quasi esclusivamente negli ultimi dieci minuti). Non è una nota di demerito, in quanto tale impostazione è stata chiaramente una precisa scelta degli autori, ma non è ancora abbastanza per incentivare la gente a vedere questo film.
Come dicevamo in apertura: di sabato pomeriggio appena usciti dalla pennichella pomeridiana questo film si può anche vedere, al cinema proprio no.



BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.