Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


giovedì 06 agosto 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

Recensione film: Baksy

Dal Kazakistan un'affasciante favola nera

27.10.2008 - Tommaso Ranchino



APPUNTAMENTI - Al Teatro di Ostia Antica va in scena Albertazzi

"Le Memorie di Adriano" concluderanno la rassegna estiva
Leggi l'articolo

TEATRO - A Roma il Gran Premio 2.0 - Teatro da condividere

Il 18 giugno 2015 alle ore 21 presso la Sala Teatro GP2 cinque compagnie si contenderanno la palma del miglior corto...
Leggi l'articolo

TEATRO - "LETTERA DI UNA SCONOSCIUTA"

Al Doppio Teatro la storia di un amore alla ricerca della propira identità
Leggi l'articolo

Titolo: Baksy
Regia: Guka Omarova
Cast: Nesipkul Omarbekova (Aidai), Farkhat Amankulov (Batyr), Tolepbergen Baisakalov (Tokha), Almat Ayanov (Asan), Asel Abutova (Gaulkhar)
IMDB: --/100
Voto: 75/100

 

Baksy è un piccolo film kazako del regista Guka Omarova, già apprezzato dalla crtica dei Festival internazionali con Schizo, che racconta la storia di una sciamana di nome Aidai, ma non solo. Aidai ha capacità ultraterrene e la sua presenza rende accettabile e straordinaria la vita in una landa desolata ed arida. Quando però gli interessi di un criminale locale le porteranno via la sua terra tutto andrà a sgretolarsi, svelando risvolti inattesi.
La pellicola si fa forte della carismatica figura di una protagonista come non se ne vedono spesso, ma lo fa con parsimonia. La figura principale è in video per un’esigua tranche del film, che verso la metà si trasformerà in opera di genere, con rapimenti, riscatti, omicidi e pistole. Rimarrà comunque presente nelle sensazioni e nelle aspettative di tutti i personaggi, per poi riapparire in un finale ottimamente strutturato.
È questa la particolarità che segnala il poco ambizioso Baksy, quella di implementare tanti film in uno solo, la narrazione sfrutta l’elemento sovrannaturale con un rispetto estetico verso la veridicità della pellicola che raramente si riscontra in progetti simili. L’attaccamento alla terra, che può esser facilmente inteso come rispetto per la natura, è, pur se taciuto, elemento centrale del simbolismo e della poetica. La direzione del cast verso una recitazione naturalista, difficile fare altrimenti con tali mezzi e tali condizioni, qualifica e responsabilizza ancor più l’approccio verista del cineasta kazako.
Quando poi il film prende una piega inaspettata lo spettatore è consapevole che la sterzata è strumentale al fine primo, il kitsch e lo squallore delle ambientazioni ‘cittadine’, che per buona parte sono le uniche cose che si vedono, si piazzano in forte contrapposizione alla situazione brada della casa della sciamana ormai demolita.
Un progetto interessante, davvero. Ma troppo difficilmente esportabile nel nostro panorama distributivo. Pressochè impossibile mantenere alta l’attenzione in un cinema che trascina dei ritmi naturalmente diversi, un background culturale assolutamente impervio e non decodificabile.
Una chicca di cui solo i festivalieri più attenti potranno giovare. Omarova, ci si vede al prossimo Festival.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.