Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


mercoledì 27 maggio 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

Recensione film: Io non ci casco

Un piccolo film che, nonostante i difetti evidenti, merita di essere preso in considerazione

30.11.2008 - Valentina Ariete



Intervista al cast e al regista di "Io non ci casco"

Il regista, sceneggiatore e attore Pasquale Falcone insieme ai 12 attori emergenti protagonisti del film, alla sempre...
Leggi l'articolo

A Villa Medici la quinta edizione del cinema all’aperto

Quest’anno si celebreranno due miti del cinema italiano e francese, Gian Maria Volonté e Yves...
Leggi l'articolo

Recensione film: L'ospite inatteso

Una pellicola che porta sul grande schermo tutte le fragilità degli U.S.A. nei confronti degli immigrati dopo la...
Leggi l'articolo

Titolo: Io non ci casco
Regia: Pasquale Falcone
Cast: Ornella Muti, Maurizio Casagrande, Maria Grazia Cucinotta
IMDB: --/100
Voto: 60/100

 

Nella piccola e bella Cava De’ Tirreni si snodano le vicende di un gruppo di amici all’ultimo anno di liceo. I ragazzi stanno organizzando una festa evento per la fine della scuola e Marco (Paolo Albano) ha il sogno di far suonare il suo DJ preferito: Claudio Coccoluto.
Quando un pirata della strada investe Marco, che guida il motorino con il casco slacciato, procurandogli un grave trauma cranico che lo porta in stato comatoso, i suoi amici si fanno in quattro per portare a termine l’organizzazione della festa e si recano ogni giorno al capezzale dell’amico come se lui fosse ancora cosciente.
Il film scritto, diretto e interpretato da Pasquale Falcone è interessante soprattutto per la storia che sta dietro le quinte: il film ha atteso quasi tre anni per essere realizzato e ha visto la luce grazie a finanziamenti indipendenti e al contributo artistico di noti nomi del panorama italiano come Maria Grazia Cucinotta, Ornella Muti, Maurizio Casagrande e Claudio Coccoluto che hanno accettato di comparire nella pellicola senza compenso. Inoltre i dodici ragazzi protagonisti del film, tutti esordienti, sono attori non professionisti presi dal liceo e scelti personalmente dal regista: per quasi due anni il cast si è incontrato ogni venerdì per provare insieme diventando in questo modo una piccola famiglia.
Per questo nonostante i difetti evidenti - scene a volte non ben amalgamate tra loro, stacchi un po’ bruschi tra una scena e l’altra, troppa carne al fuoco (pirati della strada, incauto uso del casco, eutanasia, aborto, tentativi di suicidio, abusi domestici, divorzio sono veramente un po’ troppo per una sola pellicola) – il film ha un suo fascino per il calore che traspare dal rapporto tra questi ragazzi finalmente non stereotipati sul modello mocciano “modaioli-superficiali-innamorati da Baci Perugina-tre metri sopra il cielo” ma impegnati a scrivere poesie, interessati a problemi etici e morali come l’eutanasia, ad interrogarsi su cosa c’è dopo la morte, ad affrontare problemi da adulti e a cercare sempre e comunque l’amicizia e la verità.
Inoltre può essere molto più istruttivo un film del genere che non tutti gli spot della protezione civile per indurre i giovani a riflettere sulla guida sicura e la responsabilità al volante.
Pellicole come questa andrebbero sostenute e pubblicizzate perché quando alla base c’è un’idea forte e una passione vera per il cinema il prodotto è sicuramente di valore a prescindere dal risultato finale.
“Un piccolo miracolo” che speriamo riesca a trovare un suo spazio nel panorama cinematografico italiano.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.