Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 29 maggio 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

Il mio migliore amico

24.04.2007 - Carlo Guglielmo Vitale



APPUNTAMENTI - Al Teatro di Ostia Antica va in scena Albertazzi

"Le Memorie di Adriano" concluderanno la rassegna estiva
Leggi l'articolo

TEATRO - A Roma il Gran Premio 2.0 - Teatro da condividere

Il 18 giugno 2015 alle ore 21 presso la Sala Teatro GP2 cinque compagnie si contenderanno la palma del miglior corto...
Leggi l'articolo

TEATRO - "LETTERA DI UNA SCONOSCIUTA"

Al Doppio Teatro la storia di un amore alla ricerca della propira identità
Leggi l'articolo

Il film di Verdone e Muccino è una riuscitissima commedia, forse uno dei migliori tra i film italiani degli ultimi anni, che presenta allo stesso tempo anche situazioni drammatiche e spunti di riflessione. Non è una semplice commedia da ridere e buttar via, lascia il segno.

Racconta l’incontro-scontro tra due personaggi completamente opposti: Achille (Verdone), ricco manager perbenista, sposato e con una figlia (Cecilia), contrapposto ad Orfeo (Muccino), ventenne che lavora saltuariamente, senza padre e con madre perennemente depressa (Annarita).
Si incontreranno a causa di un episodio iniziale, ovvero il licenziamento da parte di Achille della madre di Orfeo, accusata di furto: la furia vendicativa di Orfeo si abbatterà su di lui. Una parte del film dunque è improntata sulla progressiva perdita di dignità di Achille (soprattutto a causa della sua relazione con la moglie di suo cognato, che verrà svelata pubblicamente dall'iracondo Orfeo), che si ritroverà senza casa, senza moglie, senza lavoro e senza figlia! Orfeo però non sa che la sua nuova fidanzata è la figlia di Achille, che dunque sembra lasciarlo. Nella seconda parte del film il rapporto tra Achille e Orfeo muta pian piano, tramutandosi sempre più in un rapporto padre-figlio: entrambi viaggeranno insieme alla ricerca di Cecilia che non si sa più dove sia...

A parte il punto di vista comico del film, estremamente ben riuscito con strepitose gag alla Verdone, il film presenta anche aspetti drammatici; ha detto Verdone in un'intervista rilasciata ad una giornalista di Repubblica: «Non vi era la volontà di fare un film esclusivamente comico, si è desiderato raccontare qualcosa che avesse degli attimi di poesia e dei momenti di piccoli drammi, perché» sottolinea Verdone «la realtà non è fatta soltanto di cose da cogliere con ironia e riderci sopra, ci sono delle cose su cui bisogna soffermarsi e anche da cui far nascere una scena drammatica».

Infine la musica, di Paolo Buonvino, è completamente "azzeccata": vivace e concitata nei momenti comici, più lenta e triste nei momenti drammatici. Buonvino è già autore di colonne sonore di altri film italiani, quali "Manuale d'amore", "Piazza delle Cinque Lune", "Ricordati di me", "L'ultimo bacio".
Questo film è stato valutato dalla critica con un giudizio positivo, ma non si è sbilanciata più di tanto; per una parte del pubblico il film è stato inferiore rispetto ai precedenti. Personalmente ritengo che sia un film ottimo, che riesce a coniugare comicità e piccoli drammi, assolutamente imperdibile.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.