Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 29 settembre 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

Senza tette non c’è paradiso

24.03.2008 - Flaminia Angelucci



APPUNTAMENTI - Al Teatro di Ostia Antica va in scena Albertazzi

"Le Memorie di Adriano" concluderanno la rassegna estiva
Leggi l'articolo

TEATRO - A Roma il Gran Premio 2.0 - Teatro da condividere

Il 18 giugno 2015 alle ore 21 presso la Sala Teatro GP2 cinque compagnie si contenderanno la palma del miglior corto...
Leggi l'articolo

TEATRO - "LETTERA DI UNA SCONOSCIUTA"

Al Doppio Teatro la storia di un amore alla ricerca della propira identità
Leggi l'articolo

Il titolo è secco e ti incuriosisce, sembra quello di un racconto al femminile molto ironico, ma così non è.

Questa è la storia di Catilina quattordicenne colombiana che per sfuggire alla povertà e al degrado della sua città vede un'unica soluzione: farsi un seno nuovo e diventare la fidanzata di uno dei narcotrafficanti della zona.

Catilina non è una poco di buono ma una ragazza che si guarda intorno: le sue amiche, coetanee o di poco più grandi fanno la bella vita, vengono riportate a casa in macchine lussuose e indossano vestiti all'ultima moda. Lei invece vive con la mamma e un fidanzato premuroso ma poverissimo. È combattuta: da una parte il suo amore romantico dall'altra l'aspirazione ad avere qualcosa di più, i soldi.

Inizia con candore ed ingenuità questo doloroso percorso di formazione che porterà Catilina a scontrarsi con la dura realtà di un paese in cui il maggior business è la droga, in cui l'unico modo per guadagnare è, sembra, vendersi.

Un libro speciale per il candore dello sguardo della protagonista e l'audacia dell'autore nel trattare i temi sopra descritti. Dove comincia la necessità e finisce l'abitudine? Dove è inizia l'audacia e finisce l'incoscienza?

Questa storia ci mostra come aspirazioni semplici per un'adolescente (avere una bella casa, avere dei corteggiatori, sentirsi "donna") se perseguiti senza una guida possano portare in basso, molto in basso.

Un racconto che si svolge in Colombia, ma che, con le dovute proporzioni, potrebbe essere lo specchio di molte giovani allo sbaraglio che nei soldi, vestiti e chirurgia estetica scorgono la promessa di una felicità totale.

Dal libro è stata tratta un'omonima serie tv che sta appassionando tutta l'America Latina e che a breve dovrebbe arrivare in Europa.

L'autore, Gustavo Bolìvar Moreno è nato nel 1966 in Colombia, "Senza tette non c'è paradiso" è il primo libro tradotto in Italia.

 

Titolo: Senza tette non c'è paradiso

Editore: Rizzoli

Costo: 15.00

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.