Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


mercoledì 27 maggio 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

Dietro le quinte di Jurassic Park

16.05.2007 - Carlo Guglielmo Vitale



APPUNTAMENTI - Al Teatro di Ostia Antica va in scena Albertazzi

"Le Memorie di Adriano" concluderanno la rassegna estiva
Leggi l'articolo

TEATRO - A Roma il Gran Premio 2.0 - Teatro da condividere

Il 18 giugno 2015 alle ore 21 presso la Sala Teatro GP2 cinque compagnie si contenderanno la palma del miglior corto...
Leggi l'articolo

TEATRO - "LETTERA DI UNA SCONOSCIUTA"

Al Doppio Teatro la storia di un amore alla ricerca della propira identità
Leggi l'articolo

Dietro le quinte di Jurassic Park
Con la nascita del formato dvd è diventata realtà la possibilità di entrare nel “dietro le quinte”. Le versioni 2 dvd dei film in commercio infatti contengono un secondo disco dedicato al “making of”. La produzione cinematografica è notevolmente complessa: a prima vista però tutto sembra “naturale” e raramente immaginiamo cosa nasconda. Quando il dvd ci svela il lavoro che esiste dietro il prodotto finito rimaniamo spesso a bocca aperta. Ora andremo ad analizzare “Jurassic Park”, poiché è stato uno dei film pionieri nell’uso di tecniche digitali, sempre più utilizzate, senza tralasciare l’evoluzione della serie.
Il primo episodio (1993) rappresenta una svolta nel campo del cinema: nessuno aveva mai creato un film così realistico e originale. Fino ad allora film di questo genere avevano puntato sul lato mostruoso dei dinosauri, ignorandone l’aspetto concreto e scientifico. All’inizio non si pensava affatto all’impiego dell’animazione digitale, ma di utilizzare la classica tecnica stop-motion, che consiste nel muovere a mano dei modelli in scala riprendendo singoli fotogrammi con speciali telecamere a ripresa rallentata, così da rendere l’illusione del movimento. Nonostante i progressi conseguiti in questa tecnica i movimenti dei dinosauri erano ancora troppo artificiali e i fotogrammi mai sfuocati (impossibile nei movimenti reali). Il geniale Spielberg decise di provare la neonata animazione digitale (“CGI”), che grazie a “Jurassic Park” subì una forte accelerata. La “CGI” all’epoca non era mai stata utilizzata per esseri viventi, bensì per liquidi o metalli dalle sembianze reali (come in “Terminator 2”), dunque era una sfida enorme di cui non si conosceva l’esito. Furono utilizzati i più potenti computer del tempo e si ricorse a dispositivi di input creati appositamente, che resero molto più semplice l’impartizione dei comandi ai modelli virtuali (invece di utilizzare la tastiera). Diversamente da quanto si potrebbe pensare non ci si avvalse esclusivamente del computer, infatti la CGI ha evidenti pregi ma il fatto che gli attori debbano immaginarsi un dinosauro rende altrettanti disagi, e furono progettati veri e propri robot. L’impiego di due tecniche apparentemente incompatibili continuò nel secondo (1997) e pure nel terzo (2001) episodio, a dimostrazione che il computer non può sostituire in modo esaustivo tutte le “arti” manuali. Nel secondo film “Il mondo perduto” furono costruiti due robot enormi dal peso di 8 tonnellate ciascuno, riproducenti il Tirannosauro Rex: queste macchine erano comandate a distanza da più persone in modo da creare movimenti realistici; la intrinseca pericolosità di questi dinosauri meccanici rendeva necessaria la presenza di minor personale possibile durante le riprese. Nel terzo e ultimo episodio, chiamato semplicemente “Jurassic Park III”, fu sostituito il famoso T-rex con il meno noto, ma ben più temibile, Spinosauro: lungo 17 metri, con una bocca che ricorda un alligatore e una cresta di ben due metri sulla spina dorsale. Il “bestione” robot fu sottoposto, durante una ripresa, ad un forte rischio di danneggiamento a causa dell’intensa pioggia, tanto che la scena fu girata per ultima per timore. I robot utilizzati infatti, come tutti i macchinari elettrici, possono avere corti circuiti o altri danni irrimediabili se bagnati come in quel caso.
Purtroppo l’ultimo film, a differenza dell’enorme successo del primo e del secondo diretti da Spielberg e basati sugli omonimi romanzi del grande Michael Crichton, non ebbe il successo sperato: vuoi per il minor calibro del regista Johnston, vuoi per una trama mal costruita e piatta (questa volta senza il supporto di Crichton per il soggetto), vuoi per una serie ormai esaurita. Gli incassi rivelano questo “flop”: mentre il primo “Jurassic Park” raggiunse quasi un miliardo di dollari, il secondo circa seicento milioni, l’ultimo “solo” trecento milioni.
Da indiscrezioni della rete pare che sia in fase di pre-produzione un altro episodio, di cui si sa ben poco. Dopo il ridotto successo riscosso tra il pubblico e soprattutto tra i critici dell’ultimo episodio, mi meraviglio di questa volontà di proseguire la saga e non riesco a immaginare una trama originale e appassionante. Le riprese sono previste per quest’anno, in modo da portarlo sullo schermo il prossimo anno. Aspettiamo dubbiosi.
BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.