Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


giovedì 06 agosto 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

Intervista a Danis Tanovic e Christopher Lee

Liquidate le suggestioni guevariste, c'è spazio per ricordi della Seconda Guerra Mondiale e per un'impietosa critica all'Onu

15.10.2009 - Pietro Salvatori



APPUNTAMENTI - Al Teatro di Ostia Antica va in scena Albertazzi

"Le Memorie di Adriano" concluderanno la rassegna estiva
Leggi l'articolo

TEATRO - A Roma il Gran Premio 2.0 - Teatro da condividere

Il 18 giugno 2015 alle ore 21 presso la Sala Teatro GP2 cinque compagnie si contenderanno la palma del miglior corto...
Leggi l'articolo

TEATRO - "LETTERA DI UNA SCONOSCIUTA"

Al Doppio Teatro la storia di un amore alla ricerca della propira identità
Leggi l'articolo

La stampa italiana e internazionale si crogiola con i riferimenti a Che Guevara, Tanovic assalta alla baionetta l’Onu, Christopher Lee rievoca i bei vecchi tempi con i compagni d’arme in Italia negli anni furiosi della Seconda Guerra Mondiale.
Ce n’è per tutti i gusti al primo incontro stampa della quarta edizione del Festival del Film di Roma.
Il convitato di pietra è Triage, particolare film d’esordio della kermesse festivaliera, che viene toccato solo tangenzialmente dal brain storming che avviene in sala Petrassi, al punto che la bellissima e impalpabile Paz Vega, nonostante l’avvenenza, fa fatica a farsi notare.
Si parla con Tanovic, si parla di un film di guerra. E’ inutile dire che le domande sulla Bosnia, paese d’origine del regista, e sulla “sua” guerra fiocchino incessanti.
Ma a scatenare il buon Danis è in realtà una domanda sul ruolo della stampa nei contesti di guerra.
“La guerra in Bosnia sarebbe stata peggiore se non ci fosse stata la stampa che ne parlava, che diffondeva in continuazione notizie - dice, per poi continuare combattivo - I media hanno un grande ruolo, ma l’interrogativo è come si va a fondo della realtà, quanto si scava. Io non credo più a tutta questa storia dell’oggettività, ci vuole un atteggiamento morale, non una neutralità, alla neutralità non ci credo, perchè anche se scavi sei comunque condizionato dal tuo punto di vista”.
Le organizzazioni terze (o presunte tali) nei teatri di conflitto sono il pallino di Tanovic. E’ la stampa, i fotoreporter, in Triage, erano le Nazioni Unite in No man’s land, film che nel 2001 arrivò all’Oscar.
Ma se l’atteggiamento nei confronti della stampa è positivo, anche se un pò interlocutorio, per l’Onu non c’è attenuante: “Ho passato una serata a New York quando è stato proiettato No man’s land, c’era un sacco di gente dell’Onu e dopo il film una signora ha chiesto se le Nazioni Unite fossero così pessime. Io ho detto “No molto peggio!”. In Bosnia hanno imposto un embargo, ma a senso unico. E’ come guardare un uomo che stupra una donna e non fare nulla. Penso che le nazioni unite vogliono essere neutrali, ma io non credo alla neutralità, cosa vuol dire, che non se ne fa nulla? che non si prende posizione? Non funziona mai per le vittime, la neutralità, in genere favorisce gli aggressori. Penso che anche le Nazioni Unite spariranno un pò come è successo un tempo con la Società delle Nazioni”.
Forse tormentato dal dubbio che assilla il suo protagonista, che solo chi ha vissuto l’orrore della guerra ne possa avere piena coscienza, Tanovic ha chiamato nella sua pellicola Christopher Lee, noto al grande pubblico per aver interpretato il perfido stregone Saruman ne Il signore degli anelli. “Ho conosciuto Lee a Berlino una sera a cena - racconta Tanovic - Gli ho detto che venivo dalla Bosnia. E mi ha raccontato della sua esperienza di guerra nel 45, quando in Jugoslavia si combatteva contro i tedeschi e c’erano i partigiani di Tito. Quando hai avuto un’esperienza di guerra ci sono forti emozioni che entrano in gioco, per questo ho voluto Christopher nel mio film”.
L’anziano attore ci scherza su, ma non si risparmia nel rievocare episodi e sensazioni. “Devo dire che ho passato 10 anni ad Hollywood ed anche lì è davvero una lotta per la sopravvivenza! Sono anziano ma lavoro ancora, ho 7 film in uscita, mi fermerò solo quando non ne avrò più. Io ho fatto per 5 anni la seconda guerra mondiale senza mai tornare a casa. La guerra è stata terribile e tutte le guerre sono questioni di politica. Mi ricordo di aver visto medici sparare ai feriti che non ce l’avrebbero fatta, proprio come succede in Triage. Ma questo film non è solo un film di guerra, anche e soprattutto grazie a Colin Farrell, che è un attore eccellente. Per questo penso che il film meriti di avere un grande successo in tutto il mondo”.
Poco spazio alle suggestioni iniziali che hanno pervaso alcuni a rintracciare nelle immagini iniziali di un Farrell caduto sotto il peso delle ferite un riferimento alla morte di Che Guevara.
“Voi dite? - se la sbriga Tanovic - Se l’ho fatto, è stato del tutto inconsapevole”.



Cinema e Teatro

Recensione: Triage

15.10.2009 / Pietro Salvatori
Titolo: Triage Regia: Danis Tanovic Cast: IMDB: Voto: 65 Un cast bene assortito, emozioni dosate con intenso garbo, nessuna voglia di...
BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.