Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


mercoledì 01 aprile 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

Presentato a Milano il documentario Vittime

Un'occhio vissuto sugli anni di piombo

18.01.2010 - Luigia Bersani



APPUNTAMENTI - Al Teatro di Ostia Antica va in scena Albertazzi

"Le Memorie di Adriano" concluderanno la rassegna estiva
Leggi l'articolo

TEATRO - A Roma il Gran Premio 2.0 - Teatro da condividere

Il 18 giugno 2015 alle ore 21 presso la Sala Teatro GP2 cinque compagnie si contenderanno la palma del miglior corto...
Leggi l'articolo

TEATRO - "LETTERA DI UNA SCONOSCIUTA"

Al Doppio Teatro la storia di un amore alla ricerca della propira identità
Leggi l'articolo

A 40 anni dalla strage di Piazza Fontana viene presentato al Piccolo Teatro di Milano, in occasione della sua riapertura, il documentario “Vittime” di Giovanna Gagliardo.
Il lavoro, realizzato su iniziativa dall’AIVITER (Associazione Italiana Vittime del Terrorismo), cerca di ricostruire gli “Anni di Piombo” con le parole e le testimonianze di chi del terrorismo è stato vittima. Quarant’anni della nostra storia raccontati in un percorso a ritroso che si conclude con la strage di Piazza Fontana nel 1969. Tale tragico evento avvenne nel 12 dicembre 1969 nel centro di Milano, quando, alle 16:37, una bomba esplose nella sede della Banca Nazionale dell’Agricoltura in piazza Fontana, provocando la morte di diciassette persone ed il ferimento di altre ottantotto. Per la sua gravità e rilevanza politica, tale strage ha assunto un rilievo storico primario venendo convenzionalmente indicata quale primo atto della Strategia della Tensione.
Dopo inchieste, accuse e processi ad esponenti delle Brigate Rosse, di movimenti anarchici e neo fascisti in 38 anni, non è mai stata emessa una condanna definitiva per la strage. Il 3 maggio 2005 sono stati assolti definitivamente gli ultimi indagati. Attualmente non esiste alcun procedimento giudiziario aperto. Alcune teorie cercano il movente della Strategia della Tensione nel presunto scopo di destabilizzare la situazione politica italiana. In tale ottica, tra i moventi di tale strategia, soprattutto in Italia e nel quadro della Guerra fredda, ci sarebbe stato quello di influire sul sistema politico democratico, rendendo instabile la democrazia stessa. Vi furono molte ipotesi, che portarono a sospettare i servizi segreti, italiani e stranieri, di aver avuto un ruolo in tale strategia.
Tutte ipotesi, queste, ancora di “fantastoria” che non hanno mai avuto un’effettiva conferma né in un senso né in un altro.
Proprio per questo “Vittime” approfondisce le vicende di quegli anni senza dare peso alle diverse, possibili e ancora incerte soluzioni dei mille quesiti che gli attentati mai rivendicati hanno posto, ma osservandole dal punto di vista più umano, dal punto di vista di chi c’era ed ha ancora fiato per raccontare, pur se con la voce spezzata in gola.  Il documentario della Gagliardo mira a raccontare quegli anni di paura attraverso le voci di chi di quella paura ha tragicamente vissuto le conseguenze. L’autrice ha cercato di rappresentare storie, vite e vicende che fossero rappresentative non solo di se stesse, ma anche della storia italiana di quel periodo, che costituissero tutte insieme la memoria privata e collettiva degli ultimi anni nel nostro Paese.
Le 22 storie narrate sono 22 storie dei figli, dei fratelli e delle sorelle, delle mogli e dei mariti, dei padri e delle madri delle vittime. Storie raccontate con la rabbia amara di chi ancora non sa in nome di chi e di cosa ha visto sacrificare i propri cari. Si possono solo immaginare, ascoltando le parole degli intervistati, gli attimi di orrore e di sconcerto vissuti dai presenti e dai familiari delle vittime. Un documentario in ricordo di Petri, Biagi, D’Antona, Cuocolo, Marangoni, Costa, Tuttobene, Milani, Berardi, Cutugno, Lanza, Ghiglieno, Flick, Serravalli, Galli, Iosa, Bazzega, Briano, Tobagi, Giralucci, Occorsio, Calabresi, Prina e di tutti gli altri cittadini inermi o simboli in divisa che direttamente o indirettamente sono stati colpiti da quelle ancora incomprensibili questioni che da politiche sono state tragicamente tramutate in private e che hanno provocato tra il 1969 e il 1984 più di 12.000 episodi di violenza terroristica.  
 
“Vittime” di Giovanna Gagliardo
12 dicembre 2009
Via Rovello n. 2, Milano
Piccolo Teatro
info@piccoloteatro.org
www.piccoloteatro.org
tel. 848.800.304

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.