Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


mercoledì 08 luglio 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

Good Bye Lenin!

07.07.2009 - Valentina Ariete



James Bond tradisce la sua storica partner

Daniel Craig si è innamorato, perdutamente, di un’Alfa 159
Leggi l'articolo

James Bond sbanca l'Italia

Ottimo esordio al botteghino per 007
Leggi l'articolo

Sylvia

Titolo: Sylvia Regia: Regia Cast: Gwyneth Paltrow, Daniel...
Leggi l'articolo

Recensione: Nine

Roma, 1964. Guido è un regista italiano di successo internazionale che vive nel cuore della Dolce Vita,...
Leggi l'articolo

Titolo: Good Bye Lenin!
Regia: Wolfgang Becker
Cast: Daniel Bruhl, Kathrin Sass
IMDB: 78/100
Voto: 85/100

 

Questa geniale e divertente commedia amara  colpisce per il suo stile essenziale, la narrazione fresca e coinvolgente, l’umorismo pungente e la bravura degli attori. La pellicola racconta la storia di Alex (Daniel Bruhl) giovane della Berlino Est del 1989 la cui madre, attivista socialista, cade in coma a seguito di un infarto. La donna rimane addormentata per otto mesi, durante i quali il muro crolla e il capitalismo occidentale invade la città.
Il medico è chiaro: anche un piccolissimo shock potrebbe esserle fatale; Alex allora con la complicità della sorella e degli amici organizza una perfetta messa in scena per far credere alla madre che nulla sia cambiato. La farsa è organizzata nei minimi dettagli: bellissima l’idea dei finti telegiornali, della ricerca disperata dei cibi dell’ex Repubblica socialista ormai introvabili e delle assurde storie inventate per nascondere la verità.
Il film presenta un argomento già ampiamente trattato, il crollo del muro di Berlino, ma lo fa in modo decisamente originale. Il regista ha saputo creare un’opera che si ispira al nuovo e al vecchio cinema, sottolineando le divisioni e le contraddizioni tra la vecchia e la nuova Berlino proprio attraverso le numerose citazioni: evidente è il tributo offerto al cinema di Kubrick, non a caso il protagonista si chiama “Alex” come il personaggio di “Arancia Meccanica” e l’attore stesso, Daniel Bruhl, ricorda nella fisionomia il grande Malcom McDowell. Un’altra citazione del film di Kubrick è la scena velocizzata in cui Alex e il suo amico spostano i mobili della stanza della madre con l’accompagnamento del “Guglielmo Tell” di Rossini. Inoltre ci sono accenni a “Una giornata particolare” di Scola – il grande evento storico emerge attraverso la vita dei protagonisti – e a “La vita è bella” di Benigni, in cui il protagonista nasconde al figlio la vera realtà, facendogli credere di vivere in un gioco: più o meno quello che Alex fa con la madre Christiane.
Diversi sono i temi toccati: lo smarrimento del popolo tedesco al momento del crollo dei propri ideali e la drammaticità del confronto con un mondo totalmente diverso dal proprio, i sentimenti provati dal giovane Alex di fronte alla tragedia familiare che lo colpisce. Proprio il mettere apparentemente in secondo piano l’evento storico, che emerge attraverso le vicende di una famiglia qualunque, rafforza l’impatto emotivo e la forza espressiva del racconto.
Alla fine, il protagonista crea un’illusione a cui sembra volersi attaccare disperatamente per raggiungere un’identità che sente di non avere, il socialismo è visto come ideale utopico realizzato soltanto nella finzione di un giovane: la scena quasi surreale, in cui la statua di Lenin sembra salutare Christiane come per dirle che tutto ciò in cui ha creduto era un sogno, riassume in chiave ironica e simbolica il tema principale del film. L’unica cosa reale è l’amore di un figlio per la propria madre, perché i grandi ideali rimangono spesso irraggiungibili, mentre il sentimento è la forza che spinge gli esseri umani ad andare avanti anche quando il mondo sembra aver voltato loro le spalle: prima di morire Christiane confessa che, se potesse, tornerebbe indietro per seguire il marito nella Berlino ovest, persino lei che sembrava la più convinta socialista della storia, ammette che di fronte al suo cuore ogni ideale, per quanto giusto, non significa nulla.
La realtà quindi non è chiara, distinta, semplice: ognuno può interpretarla secondo il proprio punto di vista nei confronti della storia e del mondo. Il regista ha quindi trasformato una vicenda familiare e un importante evento storico in una metafora della vita umana: i tempi cambiano, ma le inquietudini umane sono sempre le stesse.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.