Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 31 marzo 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

MC DULL – KUNG FU KINDERGARTEN

Favola demenziale e umorismo antifiaba

02.02.2010 - Enrico Rossignoli



APPUNTAMENTI - Al Teatro di Ostia Antica va in scena Albertazzi

"Le Memorie di Adriano" concluderanno la rassegna estiva
Leggi l'articolo

TEATRO - A Roma il Gran Premio 2.0 - Teatro da condividere

Il 18 giugno 2015 alle ore 21 presso la Sala Teatro GP2 cinque compagnie si contenderanno la palma del miglior corto...
Leggi l'articolo

TEATRO - "LETTERA DI UNA SCONOSCIUTA"

Al Doppio Teatro la storia di un amore alla ricerca della propira identità
Leggi l'articolo

Titolo: Mc Dull - Kung Fu Kindergarten
Regia: Brian Tse
Cast:
IMDB:
Voto: 6,5/10
Tra le conferme fuori concorso del Future Film Festival 2010, accogliamo volentieri Mc Dull, il maialino cinese che attraversa il paese inseguito dalla sfortuna.
La fama di questo cartone animato (sconosciuto in occidente) ebbe origine nel 2001, anno in cui Cina, Giappone e Hong Kong unirono gli sforzi per produrre il lungometraggio d'animazione con più successo in Cina, My Life as Mc Dull. L'ottimo incasso e la simpatia del pubblico conferirono credibilità al personaggio, il quale partecipò nuovamente ad altri due episodi.
Alla sua quarta avventura, il creatore e regista Brian Tse punta sul racconto per bambini rinunciando al mix di animazione e live-action che aveva caratterizzato l'ultimo film.
Il porcellino protagonista sarà spedito dalla madre sulla montagna taoista, luogo in cui il gran maestro insegnerà allo sventurato l'arte del Kung Fu. Malgrado gli sforzi dell'allievo, Mc Dull conferma la sua incapacità motoria in ogni tipo di attività fisica. Le sue pessime valutazioni a scuola spingono la madre a gettarlo nella "mischia selvaggia della vita", da lei definita "l'unica maniera per superare le avversità".

Nonostante il cartone animato possa sembrare un prodotto per bambini, l'umorismo demenziale di questa serie animata non smette di far ridere anche gli adulti.
L'antenato di Mc Dull viene presentato dal narratore come un brillante inventore. La sua spiccata genialità consegnò all'umanità una serie illimitata di inutili invenzioni. Tra le migliori citiamo: il primo bollitore elettrico (che in mancanza di elettricità non riuscì mai a bollire qualcosa); i collant invisibili (i quali non essendo mai stati visti non furono apprezzati a dovere); il primo telefono della storia (che essendo l'unico esemplare fino al 1800 non riuscì a ricevere né a inviare telefonate). Un'intelligenza genetica che il protagonista dovette ereditare, e che divenne presto il marchio di fabbrica del simpatico maialino.
Mc Dull ha il merito di creare ironia su tutto: canzoni di gruppo dedicate all'amore familiare, amicizie infantili destinate a dividersi, fallimenti scolastici osservati con prospettive buoniste.
Mc Dull è un maialino portatore di handicap. La migliore amica non lo ritiene ritardato ma solo poco furbo ed eccessivamente buono.
Al suo fianco compare sempre la madre amorevole, onnipresente canticchiante obesa descritta dalla storia come una chef in menopausa. E' l'unica figura di riferimento per il piccolo Mc Dull, spesso rimproverato di "essere più pigro del suo stesso posteriore".
La missione si riassume nell'addestramento del maialino ingenuo, spesso coinvolto in scherzi dai compagni di studio. Nel confrontarsi con le arti marziali verrà scelto per il torneo di tale disciplina. Una sfida a cui sarà pronto solo se "illuminato nello spirito".
Discreto valore al quarto episodio della saga Mc Dull. Difficilmente apprezzabile a pieno senza aver visto i primi tre film della serie animata. Rimane comunque un film godibile grazie al suo umorismo mai volgare accessibile a grandi e piccini. Un esempio di animazione fuori dai consueti schemi classici.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.