Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 04 aprile 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

Tutto su Kristen Stewart

Da giovane bambina prodigio a star di fama internazionale

26.06.2010 - Francesco Manca



Recensione: The Twilight saga: Eclipse

Bella, Edward e Jacob ritornano nel terzo capitolo della saga di Twilight tratta dai romanzi di Stephanie Meyer: tra...
Leggi l'articolo

Novità per il secondo capitolo della saga di Twilight

Catherine Hardwicke non dirigerà New Moon e potrebbero esserci cambiamenti anche nel cast
Leggi l'articolo

I protagonisti di Twilight diventano delle bambole

Dal 2009 potrete avere Bella e Edward in casa
Leggi l'articolo

A soli vent'anni, la sua notorietà è ormai planetaria, tanto da surclassare quella di idoli e sex symbol ormai navigati come George Clooney, Brad Pitt, Meryl Streep, Johnny Depp e Tom Cruise.
Stiamo parlando ovviamente di Kristen Jaymes Stewart, nata a Los Angeles il 9 aprile 1990, da John Stewart, produttore televisivo per il canale Fox, e Jules Mann-Stewart, sceneggiatrice.
Il notevole appoggio dei genitori le consente di iniziare prestissimo la sua carriera di attrice con un'apparizione nel film per la tv prodotto dalla Disney "Thirteen Year" (1999), dopodiché, nel 2001, ottiene il suo primo ruolo cinematografico nel film drammatico "La sicurezza degli oggetti", diretto da Rose Troche e interpretato da nomi del calibro di Glenn Close, Dermot Mulroney e Patricia Clarkson.
A dodici anni, per Kristen è già tempo di svolte, quando David Fincher le affida la parte di co-protagonista accanto ad un mostro sacro come Jodie Foster nel thriller claustrofobico "Panic Room", a cui partecipano anche Forest Whitaker e Jared Leto. La pellicola, ottimamente scritta da David Koepp, ottiene notevoli riscontri al botteghino e diversi apprezzamenti da parte della critica, e consente alla giovanissima Stewart di ricevere la sua prima candidatura agli Young Artist Awards come miglior attrice emergente.
Nel 2003, la vediamo interpretare un ruolo secondario ne "Oscure presenze a Cold Creek", un thriller dalle vaghe sfumature horror diretto da Mike Figgis e interpretato da Dennis Quaid e Sharon Stone. Penalizzato da una storia scontata e prevedibile e da una sceneggiatura farraginosa, il film è un fiasco a livello di pubblico e la critica lo stronca senza eccezioni. Tuttavia, Kristen si aggiudica per la sua performance la seconda nomination agli Young Artist Awards, questa volta come miglior attrice non protagonista.
L'anno successivo interpreta il suo primo ruolo da protagonista nel film drammatico per la tv "Speak - Le parole non dette", dove conoscerà l'attore Michael Angarano, con il quale instaurerà una relazione sentimentale durata quattro anni. Segue la teen-comedy "Tre ragazzi per un bottino" di Bart Freundlich e il thriller drammatico "Undertow" di David Gordon Green, nel quale torna ad interpretare un ruolo secondario che le attribuirà la terza nomination agli Young Artist Awards.

Nel 2005 la vediamo in altri due ruoli di contorno nel drammatico "Gioventù violata" di Griffin Dunne, con Diane Lane e Donald Sutherland e nel fantasy "Zathura - Un'avventura spaziale" di Jon Favreau, con Tim Robbins.Il 2007 è senza dubbio un anno positivo per la Stewart, che recita in ben quattro pellicole, di cui due come protagonista: la prima è "The Messengers", horror diretto dagli orientali Oxide e Danny Pang che la propone come nuova ‘Scream's Queen', mentre la seconda è "Il bacio che aspettavo" di Jon Kasdan, film romantico per teen-agers che la vede al fianco della giovane star Adam Brody, dell'ex reginetta delle commedie sentimentali Meg Ryan e del premio Oscar Olympia Dukakis.


Entrambe le pellicole ricevono un'accoglienza piuttosto tiepida sia da parte del pubblico che della critica, e non va meglio neanche con "The Cake Eaters", dramma di Mary Stuart Masterson. Tutt'altra sorte ha però "Into the Wild", quinta regia del due volte premio Oscar Sean Penn, che porta sullo schermo la vera storia di Christopher McCandless, un giovane laureato che, all'inizio degli anni '90, decide di allontanarsi dalla famiglia e dalla triste società in cui vive per esplorare i territori incontaminati del Nuovo Continente e riscoprire il vero valore della vita.
Considerato uno dei migliori film visti negli ultimi anni, "Into the Wild" vanta una strepitosa performance del protagonista Emile Hirsch e una altrettanto valida da parte della nostra Kristen Stewart, che viene candidata per la quarta e, ad oggi, ultima volta agli Young Artist Awards.
Oltre a tutto ciò, trova spazio anche per un ruolo nel cortometraggio scritto e diretto dalla nota Kate Hudson dal titolo "Cutlass".
L'anno della sua definitiva consacrazione è senza dubbio il 2008, in cui si trova ad interpretare il personaggio di Bella Swan nel primo capitolo della saga di "Twilight", tratto dall'omonimo romanzo della scrittrice Stephenie Meyer.
La storia è quella di una giovane e timida ragazza che si trasferisce dalla calda Arizona alla piovosa città di Forks, nello stato di Washington, per trascorrere un po' di tempo con il padre.
A scuola, conosce un misterioso ragazzo di nome Edward Cullen di cui si innamorerà perdutamente e che si rivelerà essere niente meno che un vampiro vegetariano, così come tutta la sua famiglia.
Diretto da Catherine Hardwicke, "Twilight" è il film che consente a Kristen Stewart di imporsi all'attenzione del grande pubblico a livello internazionale e di diventare una vera e autentica celebrità.
Se prima dell'uscita del film, infatti, la Stewart era considerata solamente un'attrice interessante ma in fondo non così stupefacente, ora è vista dai media e dal pubblico come una sorta di divinità, e la sua vita di adolescente è stata letteralmente sconvolta da questa enorme e, diciamolo, anche improvvisa ed inaspettata ondata di popolarità.
Tutto sembra praticamente avvenuto per caso, dato che "Twilight" fu inizialmente concepito come prodotto indipendente e dal budget non certo esorbitante, eppure, grazie all'interessamento da parte del pubblico, è divenuto in brevissimo tempo una sorta di caso mediatico che annovera oggi milioni e milioni di fan in tutto il mondo.
Insieme al protagonista maschile Robert Pattinson, Kristen Stewart ha formato la coppia cinematografica (sentimentalmente non ancora dichiarata) più famosa dell'ultimo decennio, che ha suscitato un'attenzione addirittura maggiore rispetto a quella composta da Brad Pitt e Angelina Jolie.
"Twilight" è il trionfatore assoluto degli Mtv Movie Awards nel 2009, nell'ambito dei quali si porta casa il premio per il miglior film, miglior attrice (ovviamente Kristen Stewart), miglior attore (Pattinson), miglior bacio e miglior combattimento, oltre ad una valanga di altri riconoscimenti tra cui uno Scream Award e un Teen Choice Award alla Stewart.


Vanno però giustamente ricordati anche altri due importanti film a cui Kristen partecipa in quell'anno, che sono "Disastro a Hollywood", interessante commedia diretta da Barry Levinson e interpretata da giganteschi attori come Robert De Niro, Sean Penn, che l'aveva diretta in "Into the Wild", Bruce Willis, Catherine Keener, Stanley Tucci, John Turturro e Robin Wright-Penn, e "Jumper - Senza confini" di Doug Liman, in cui compare in un breve cameo insieme al protagonista Hayden Christensen.
Nel 2009, la vediamo prima nella commedia "Adventureland" di Greg Mottola, e poi nel secondo capitolo della saga di "Twilight" dal titolo "New Moon", girato in parte in Italia, nei pressi di Volterra, diretto da Chris Weitz e nuovamente tratto dal libro di Stephenie Meyer.
In questo secondo capitolo, il personaggio interpretato da Kristen sorregge quasi completamente da solo tutto il film, dal momento che alla figura di Edward Cullen, interpretato ancora da Robert Pattinson, è dedicata minore attenzione rispetto al primo episodio, mentre viene elargito più spazio al personaggio di Jacob Black, impersonato da Taylor Lautner.
Il risultato al botteghino è ancor più sorprendente rispetto a quello registrato dall'originale, nonostante buona parte della critica storca il naso di fronte ad una storia considerata frivola e per nulla originale e avvincente come invece sostengono i numerosissimi fan.
"New Moon" si riconferma come il suo predecessore il trionfatore degli Mtv Movie Awards 2010, conquistando i premi più ambiti e all'inizio di quest'anno, a Kristen Stewart viene conferito l'Orange Rising Star Award come miglior stella emergente, che fa certamente dimenticare le nomination ottenute all'ultima edizione dei Razzie Awards tra cui quella per il peggior sequel, per la peggior coppia e per la peggior sceneggiatura.
L'uscita del terzo capitolo della saga di "Twilight", intitolato "Eclipse" è ormai imminente ed avverrà il prossimo 30 giugno. I primi 15 minuti del film, diretto da David Slade, sono stati presentati in anteprima assoluta lo scorso 17 giugno all'Auditorium Conciliazione di Roma. All'evento erano presenti Kristen Stewart e Taylor Lautner, che sono stati accolti da un innumerevole quantità di fan a cui è stato concesso un incontro diretto con i loro beniamini.
Prossimamente avremo modo di rivedere Kristen nel biopic "The Runaways" di Floria Sigismondi, dove interpreta al fianco di Dakota Fanning la figura della cantante e chitarrista rock Joan Jett, e nel drammatico "Welcome to the Rileys" di Jake Scott, dove reciterà al fianco di James Gandolfini. Entrambi i film sono stati presentati lo scorso gennaio al Sundance Film Festival.
Ovviamente, siamo curiosi di rivederla anche nel quarto capitolo della saga di "Twilight" dal titolo "Breaking Dawn", per cui è già stata garantita la divisione in due episodi.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.