Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


giovedì 24 settembre 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

Recensione: The Housemaid

15.04.2011 - Antonella Troisi



Recensione: The Next Three Days

Quando la vita dell’allegra famiglia Brennan sarà sconvolta dall’incarcerazione della signora, il...
Leggi l'articolo

Recensione: Kung Fu Panda 2

Il panda Po, dopo essere stato nominato Guerriero Dragone a guardia del villaggio, dovrà difendere...
Leggi l'articolo

Recensione: Zack e Miri, amore a... primo sesso

Zack e Miri sono due amici che vivono insieme dai tempi del college. Il loro lavoro al bar non permette loro di pagare...
Leggi l'articolo

Titolo: The Housemaid
Regia: Im-Sang soo
Cast: Jung-jae, Youn Yuh.jung, Seo Woo, Ahn Seo-hyun
IMDB: 67/100
Voto: 67/100

The Housemaid è un remake coreano di una pellicola del 1960 diretta da Kim-Ki-young. Dopo la presentazione in concorso alla scorsa edizione del Festival di Cannes e il Premio Speciale della Giuria al Courmayeur Noir in Festival, il film sudcoreano approda nelle sale italiane grazie alla Fandango.

È la storia di una giovane domestica, Euny, che viene assunta da una ricca famiglia borghese. Il suo compito sarà quello di prendersi cura della bambina, della casa e della madre incinta di due gemelli. Riesce ad integrarsi molto bene all’interno della famiglia, conquistandosi la fiducia e la simpatia della piccola bambina, Nami. Le cose si complicano quando il padrone di casa, Hoon, la seduce e la coinvolge in rapporti sessuali che hanno come fine ultimo quello di dimostrare il suo dominio sulla donna. Tutto ciò sconvolgerà l’equilibrio familiare e porterà a vicende tragiche.

Ricchezza, povertà, sessualità, violenza fisica sulle donne e vendetta: sono questi i temi principali che ruotano attorno al film. Il regista, Im-Sang soo, ha voluto descrivere i “super ricchi” del 2010: coloro che vogliono dominare, che non vanno mai nei quartieri popolari e non rinunciano ai propri lussi!

Il film è aperto e chiuso da un prologo e da un epilogo correlati: nel primo si mostrano i quartieri popolari della città, l’epilogo rappresenta i ricchi in posti lussuosi. Ad unire queste due realtà sarà proprio la protagonista, Euny.

The Housemaid di thriller ha poco e niente, infatti, le scene difficilmente provocano uno stato di ansia, il film mira maggiormente ad evidenziare le violenze e i soprusi che la domestica è costretta a subire per il semplice fatto di provenire da quella parte della popolazione definita “popolare”.

A differenza dell’originale il regista Im-Sang soo cambia il punto di vista nel racconto assumendo quello della ragazza piuttosto che quello del padrone di casa, mettendo così in primo piano l’universo femminile. A caratterizzare il film vi è anche l’elemento della vendetta, che non viene messa in atto per arrecare un danno, ma assume un connotato psicologico che produce effetti ancor più gravi.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.