Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


giovedì 24 settembre 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

L’Illazione di Lelio Luttazzi

Omaggio al maestro italiano di colonne sonore

31.10.2011 - Enrico Rossignoli



APPUNTAMENTI - Al Teatro di Ostia Antica va in scena Albertazzi

"Le Memorie di Adriano" concluderanno la rassegna estiva
Leggi l'articolo

TEATRO - A Roma il Gran Premio 2.0 - Teatro da condividere

Il 18 giugno 2015 alle ore 21 presso la Sala Teatro GP2 cinque compagnie si contenderanno la palma del miglior corto...
Leggi l'articolo

TEATRO - "LETTERA DI UNA SCONOSCIUTA"

Al Doppio Teatro la storia di un amore alla ricerca della propira identità
Leggi l'articolo

E’ con la pellicola L’illazione, datata 1972, che il Festival di Roma rende omaggio a Lelio Luttazzi, musicista, showman, attore cinematografico e regista, scomparso lo scorso anno.

Una delle figure piu' poliedriche del '900 e autore della  sua unica opera da regista, ritrovata e restaurata  con esperta dedizione nel rispettare il lavoro del maestro.

L’Ilazione è la storia di un giudice, che insieme alla moglie, si unisce a duna cena organizzata da uno scrittore anticonformista ed ironico. La serata si concentra su un gioco del magistrato proposto ai sei invitati intorno al tavolo. Ne consegue una crudele analisi processuale, che coinvolge i personaggi nella finzione di un errore giudiziario che li vede colpevoli e con pochi strumenti per difendersi.

Tratto dal racconto La Villa di Campagna, è ispirato da un episodio, apparentemente falso, che richiama le vicende legali sopportate dal musicista in quel periodo. Un ragionamento su eventi apparentemente veritieri, che possono rivelarsi al contempo falsi e tendenziosi. Trattasi di una vicenda reale complicata, che lo vide accusato di detenzione e spaccio di stupefacenti insieme a Walter Chiari, a causa di un’intercettazione telefonica che divenne la prova portante del processo. Venne giudicato colpevole e incarcerato per 27 giorni, fino al suo rilascio quando i magistrati si accorsero del clamoroso errore giudiziario.

L’illazione è un film intimista suii rapporti interpersonali e del lento consumarsi di emozioni tra un gruppo di persone riunite per una cena. Innocenti e amichevoli chiacchiere diventano rapidamente un processo kafkiano  ambiguo e spietato, ai danni dell’unico personaggio che in tutto il film non ha neppure una battuta. Vittima o assassino, innocente o colpevole non è importante, il giudizio sulle intenzioni è la vera natura degradante dell’accusa e la sentenza una beffa superiore agli effetti di un danno.

Luttazzi, rimasto colpito da tale esperienza, continuò il suo lavoro con professionalità e vigore fino alla sua morte. Il restauro di tale opera è per il Festival di Roma l’antipasto di un dibattito su la vita dell’artista e il rapporto col cinema. Una carrellata di testimonianze sull’approccio e l’effetto qualitativo delle sue colonne sonore all’interno dei film. In ricordo del suo inestimabile contributo al cinema, viene presentato il cofanetto ( ''Le colonne sonore per il cinema di Lelio Luttazzi'') che per la prima volta raccoglie tutte le sue opere. 

Una sconfinata passione per la musica al servizio del fotogramma, che attimo dopo attimo ha scandito la carriera di un gran maestro del ‘900.


 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.