Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 14 agosto 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

Recensione: Immortals 3D

30.11.2011 - Francesco Silella



APPUNTAMENTI - Al Teatro di Ostia Antica va in scena Albertazzi

"Le Memorie di Adriano" concluderanno la rassegna estiva
Leggi l'articolo

TEATRO - A Roma il Gran Premio 2.0 - Teatro da condividere

Il 18 giugno 2015 alle ore 21 presso la Sala Teatro GP2 cinque compagnie si contenderanno la palma del miglior corto...
Leggi l'articolo

Titolo: Immortals 3d
Regia: Tarsem Singh
Cast: Henry Cavill, Stephen Dorff, Luke Evans, Mickey Rourke, Freida Pinto, John Hurt, Kellan Lutz, Isabel Lucas, Daniel Sharman, Anne Day-Jones

 

E' risaputo che le verdure non piacciono a tutti quindi non ci sarà da sorprendersi se questa pellicola, come le sue sorelle maggiori "300" e "Scontro tra Titani", piacerà ad un pubblico particolarmente attratto da questo tipo di storie . Quando esco dalla sala dove hanno appena proiettato "Immortals", nuovo film del maestro Tarsen Singh Dhandwar (the fall), ho un turbinio di sensazioni in testa.

Nato da un racconto breve e trasformatosi, come una moderna cenerentola del cinematografo, in un film a grosso budget, Immortals rappresenta l'ennesima sfida dell'uomo contro le sfide del mondo. Quanto mai attuale ,dato che l'eroe Teseo/Tarsen deve far fronte alle sfide che la vita pone sul suo sentiero e , per compiere il proprio destino, dovrà rendersi conto del suo reale potenziale e affrontare a spada tratta l'esercito dei cattivi che cercherà in ogni modo di ostacolarlo.
La storia è un minestrone di fantamitologia e di cinematografia. Lo stesso Singh dichiara: "in questo film lo stile di Caravaggio incontra lo stile di Fight Club".
Ovviamente i cuochi sono strepitosi, in modo da far piacere il minestrone anche a chi non lo sceglierebbe nel proprio menu.
Teseo, lo sconosciuto ragazzino di "Basta che funzioni", alias Henry Cavill, è il prototipo dell'eroe classico e moderno che prende atto delle responsabilità che ha nella vita e, sul suo cammino ,dopo la morte della madre uccisa dal tiranno Iperione, si presenterà l'oracolo Fedra, alias Freida Pinto (the millionare), che interpreta, con tutta la sua bellezza e sensualità, l'indovina tormentata dalle proprie visioni a cui Teseo riuscirà a concedere pace. Ad istruire Teseo è il vecchio del villaggio interpretato da uno straordinario John Hurt (Harry Potter e la pietra filosofale) che diventa all'occorrenza un giovane e vigoroso Luke Evans (scontro tra titani) nei panni di Zeus. Uno Zeus diverso da come appare di solito nelle pellicole, volontariamente assente dalle problematiche umane ma anche lui sofferente dei capricci dell'anima.
Iperione si presenta in scena come il tiranno omicida che agisce senza cuore su tutto ciò che diventa sotto il suo dominio. Apparentemente interessato alla conquista della Grecia, il suo reale intento è liberare i terribili Titani, esseri sconfitti nella grande guerra del cielo e rinchiusi nella prigione del monte Tartaro, per vendicarsi degli dei, insensibili personalità disinteressate alle sofferenze e ai bisogni degli uomini. Come nella più classica delle tradizioni per un eroe che nasce, una nemesi è già pronta. Iperione rappresenta, grazie alla bravura di Mickey Rourke (the wrestler), l'uomo in collera che ha come desiderio il punire chi ritiene responsabile delle proprie tragedie personali. Teseo impersona l'altro rovescio della stessa medaglia. Un ragazzo che è condannato a vivere una vita senza gioie. Apparentemente distanti, i due personaggi si assomigliano più di quanto non si veda nel superficiale scorrere del tempo.
Immancabile l'antica arma perduta (da excalibur a "scontro tra titani", passando per "l'ultima legione" e "Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo") non è una grande novità in campo ma se non altro, si apprezza la fantasia di creare un nuovo contesto per farla arrivare sulla terra. L'arco di Epiro è la più potente forza devastante mai conosciuta ma la si usa abbastanza poco per quello che vale e, alla fine, com'era entrata in scena, così se ne va.
La pellicola emoziona grazie alle scenografie, create dal maestro Tom Foden, e per il particolare tipo di ripresa utilizzata per i combattimenti tra uomini e dei. L'ultravelocità che distingue gli dei è stata molto apprezzata in sala. Per la realizzazione del film sono stati costruiti più di venti set diversi e le musiche di Trevor Morris hanno fatto il resto. Il prode Teseo sconfigge il minotauro nel labirinto e riesce a uscirne grazie al proprio ingegno lasciando a casa Arianna, filo e compagnia. "Non è l'età del bronzo nè quelle minoica, è l'età di Tarsen" così i fratelli Parlapanides, di origine greco-americani, presentano il film: un mix bello ma rischioso che distanzia di troppo poco tempo i precedenti "Scontro tra Titani" e "300", il che lo rende vulnerabile alle critiche degli appassionati del genere.

I produttori, gli stessi di "300", sono consapevoli della pericolosità della scelta ma sono anche particolarmente spinti a farla grazie ai potenti mezzi a disposizione. Una volta Christopher Nolan disse : "prima mi preoccupavo di non uscire mai dal budget... quando ho avuto i soldi ... la mia mente non ha avuto più limiti". Nolan scrisse una pagina del vangelo dei registi dato che "Immortals" vale la pena di essere visto solo grazie alla magia del 3D che conferisce al film una patina di coinvolgente, vero e di, sembra il caso di dirlo, immortale . Il grande merito per la buona riuscita del film va a Nicoletta Skarlatos che sprofonda in una meditazione creativa per riuscire a lavorare con il direttore della fotografia Galvin e allo scenografo Foden e trovare il trucco più adatto dal più importante al minore dei personaggi presenti nella pellicola.
Tutto sommato il film è un piacevole svago per distaccarsi un po' dal mondo reale per poi uscire dalla sala e affrontare i propri titani.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.