Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 19 settembre 2020

  • MP News
  • Cinema e Teatro

RECENSIONE - "Nymphomaniac, vol. I

Nelle sale, dal 3 aprile, la prima parte del controverso e dibattuto film diretto da Lars von Trier

02.04.2014 - Claudio Brandoni 2



Recensione: Melancholia

"E' come un pianeta immenso che sta per scontrarsi contro la Terra: quando arriva puoi solo arrenderti al destino".
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Teatro di Ostia Antica va in scena Albertazzi

"Le Memorie di Adriano" concluderanno la rassegna estiva
Leggi l'articolo

TEATRO - A Roma il Gran Premio 2.0 - Teatro da condividere

Il 18 giugno 2015 alle ore 21 presso la Sala Teatro GP2 cinque compagnie si contenderanno la palma del miglior corto...
Leggi l'articolo

Da questo giovedì torna nelle sale il regista Lars von Trier col suo Nymphomaniac vol. I. Cinque capitoli su otto complessivi, in attesa del vol. II, riguardanti la lunga storia della folle, ma fragile Joe: ninfomane intenta a raccontare la sua vita contraddistinta da sfide, dolori, vittorie a un perfetto sconosciuto.
SINOSSI: Seligman, laico e scapolo, in una fredda sera d'inverno scorge giacere a terra in un vicolo, priva di sensi Joe. Il soccorso da parte dello stesso é istintivo, così come sembra istintivo l'agio con cui Joe, confortata da una tazza di thé, inizia a raccontare la sua storia. Una vita segnata dal conflittuale rapporto con la madre controbilanciato dal profondo e sincero amore che prova nei confronti del padre. Joe a ritroso racconta le sue esplorazioni sessuali che la resero oggetto dei più diversi interessi da parte degli uomini. Un palliativo, in quel momento necessario, a colmare una più profonda e costante solitudine esistenziale.
CAST: Una sfrontata Stacy Martin interpreta una prima Joe, che ritroviamo poi in una più matura e riflessiva visione della vita interpretata da Charlotte Gainsbourg. Shia LaBeouf ha un ruolo cruciale, segnando il giovane attore un punto di inizio e di fine del film stesso, sebbene con diverse angolature. Premuroso e comprensivo sono invece gli aggettivi che descrivono al meglio Christian Slater nell'interpretare il padre di Joe. Pacato nei toni, così come nelle movenze é il ruolo dell'ebreo di origine, ma ateo di credo, interpretato da Stellan Skarsgard. Magistrale é invece Uma Thurman con la sua struggente comicità femminile dinanzi a una situazione ordinaria che la vita può presentare.
REGIA: Il discusso Lars von Trier,già co-fondatore della società di produzione danese Zentropa prima e fondatore del movimento Dogma Danese poi, ha dovuto autorizzare diverse versioni censurate del film. Censure che riguardano non solamente l'esplicito contenuto sessuale, ma anche l'eccessiva durata della pellicola stessa sottoposta per questo a delle modifiche che hanno comportato la riduzione della durata di Nymphomaniac, vol. I a due ore circa.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.