Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 06 dicembre 2019

  • MP News
  • Cinema e Teatro

Recensione film: Hitman

17.12.2007 - Alessandro Pangallo



APPUNTAMENTI - Al Teatro di Ostia Antica va in scena Albertazzi

"Le Memorie di Adriano" concluderanno la rassegna estiva
Leggi l'articolo

TEATRO - A Roma il Gran Premio 2.0 - Teatro da condividere

Il 18 giugno 2015 alle ore 21 presso la Sala Teatro GP2 cinque compagnie si contenderanno la palma del miglior corto...
Leggi l'articolo

TEATRO - "LETTERA DI UNA SCONOSCIUTA"

Al Doppio Teatro la storia di un amore alla ricerca della propira identità
Leggi l'articolo

Titolo: Hitman
Regia: Xavier Gens

Cast: Timothy Olyphant, Dougray Scott, Olga Kurylenko
IMDB:
65/100
Voto: 60/100

Per quei pochi che non lo sapessero, Hitman prende spunto da un videogioco, per la precisione dalla saga omonima che a oggi è arrivata al quarto episodio. Purtroppo la maggior parte delle volte che il cinema ha preso spunto dai videogiochi per le trame dei film il risultato è quasi sempre stato deludente, merito soprattutto di Uwe Boll, noto per essere "quello che fa i film ispirandosi ai videogiochi" ma soprattutto per essere uno dei peggiori registi di Hollywood. Per fortuna, questo Hitman non è una creatura di Boll, sebbene neanche qui il risultato sia proprio entusiasmante.
Il protagonista del film non ha un nome, solamente un numero con cui viene identificato, il 47. E' cresciuto in un campo d'addestramento per killer perfetti ed agisce per un'organizzazione che esegue crimini a pagamento (hitman, in italiano, vuol dire proprio "sicario"). Non fa domande, non ha scrupoli né sentimenti: è il migliore in quello che fa, e cioè uccidere la gente, non gli interessa per conto di chi. I problemi per 47 nascono quando gli viene commissionato l'assassinio del Presidente russo Mikhail Belicoff, compito che 47 porta a termine impeccabilmente, se non che poco dopo al nostro eroe viene comunicato che c'è una testimone che lo ha visto in faccia da eliminare al più presto. Ma quando 47 si trova davanti la sua nuova vittima, capisce che c'è qualcosa di strano, e da quel momento in poi si ritroverà alle calcagna sia gli agenti segreti americani che quelli russi, per motivi che cercherà di capire nel corso del film.
Pur non proponendo niente di particolarmente innovativo, Hitman è un film d'azione migliore di altre pellicole dello stesso genere uscite ultimamente. Ciò che non convince appieno è la trasposizione del personaggio principale dal videogioco al grande schermo: i primi due capitoli di Hitman erano caratterizzati dall'alternarsi di violenza e humour nero, elemento, quest'ultimo, non pienamente catturato dagli autori. Più che ispirarsi al videogioco, questo film sembra semplicemente citarlo, grazie alle situazioni e a un paio di personaggi, ma il fascino maledettamente carismatico del 47 poligonale non traspare minimamente nella recitazione di Timothy Olyphant, troppo ingessato per risultare credibile. Nota di merito, invece, per Olga Kurylenko, nei panni di Nika Boronina, che grazie al suo fascino malizioso e provocante riesce a mettere un po' di pepe nella narrazione (non a caso le scene in cui è coinvolta anche lei sono le più godibili del film). Da segnalare il cammeo di Henry Ian Cusick, il Desdmond di Lost, nei panni di un losco trafficante d'armi.
Per concludere, questo film arriva alla sufficienza, ma non riesce a convincere data la sua mancanza di valore aggiunto. Per coloro che volessero vedere un film basato su un videogioco, ancora oggi non è possibile non segnalare il film tratto da Silent Hill o il primo Resident Evil; messo a confronto, questo Hitman viene ancora staccato di molto. 


BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.