Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 23 agosto 2019

  • MP News
  • Cinema e Teatro

TEATRO - "Enrico IV (ma forse no)"

Al Teatro Argot Studio di Roma è in scena, fino al 12 ottobre 2014 il riadattemento di uno dei capolavori di Luigi Pirandello

03.10.2014 - Francesca Marchionne



Quest’estate una ventata di fresche risate col cinecocomero “Last Minute Caraibi”

Un cinecocomero fresco fresco, per un’estate che si preannuncia rovente
Leggi l'articolo

Enrico IV (ma forse no)

Al Teatro Argot Studio di Roma è in scena, fino al 12 ottobre 2014 uno dei capolavori di Luigi Pirandello: "Enrico IV (ma forse no)". Adattato e diretto da Matteo Tarasco lo spettacolo, all'epoca uno dei più innovativi, viene riproposto in scena da quattro giovani attori di lustri nomi o formazioni: Federico Le Pera, Brenno Placido, Tiziano Panici e Sidy Diop.

FINZIONE O REALTÀ - È la storia di un uomo che in seguito ad una caduta da cavallo, si crede Enrico IV di Germania e vuole essere considerato tale. Assecondandone la sua pazzia, le persone attorno a lui creeranno un mondo parallelo veritiero a tal punto da sostituire la recita alla vita reale.

GRANDE FRATELLO - Il regista più che sulla tematica della follia si concentra sulla frustrazione di quattro attori squattrinati, che non avendo trovato miglior impiego, scelgono di far parte della messinscena. Allo spettatore viene permesso di osservare i quattro, nel garage della villa di Enrico, che guardano tramite telecamere a circuito chiuso, lo spettacolo.

PERSUASIONE - Interessante, moderna e scarna la scenografia e le luci non teatrali. Ciò che emerge dalle caratterizzazioni "stereotipate" dei quattro (il giovane palestrato, l'isterico, l'attore fallito e precisino, lo straniero senza permesso di soggiorno) è il desiderio inconscio di poter controllare la vita degli altri e poterla indirizzare a proprio piacimento.

TEMPORARY PLOT - Un tentativo di intrecciare il contemporaneo con i primi del Novecento caratterizzato dall' ambivalente atteggiamento dell'uomo: la ricerca della stabilità sicura che può fornire un meccanismo quotidiano e le relazioni concatenate e il tentativo di fuggirne.

Lo spettacolo dopo la prima romana prosegue il suo tour nelle principali città Europee presso tutti i Centri di Cultura Europei (Parigi, Berlino, Londra, Madrid) prima di tornare in Italia per la Stagione 2015/2016, approderà al Lincoln Center Theatre di New York.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.